Pesaro cambia sotto gli occhi del sindaco

di 

23 marzo 2012

PESARO – Dai grandi ai micro-progetti, il sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli segue con attenzione tutti i cambiamenti della sua città.

Luca Ceriscioli Rito Briglia a Franco Arceci

Il sindaco Luca Ceriscioli, l'assessore Rito Briglia e il portavoce del sindaco Franco Arceci

Il più grande e di strettissima attualità è il secondo casello che ormai si farà a Santa Veneranda. Ceriscioli ha saputo della risposta di Società Autostrade all’assessore regionale Viventi, risposta definita però dal sindaco generica.

“È vero – dice Luca Ceriscioli – se Pesaro dovesse scegliere di fare il secondo casello a valle, e non più a monte come precedentemente votato, Società Autostrade sarebbe disponibile a concedere un numero maggiore di opere compensatorie. Ma di quanto maggiore? Questo non è stato specificato. E visto che è stato confermato che l’ultima decisione spetta al Consiglio comunale, abbiamo la necessità di conoscere quali opere in più Pesaro potrebbe ottenere. Abbiamo la volontà di chiudere il più in fretta possibile la questione, ma abbiamo bisogno di maggiore chiarezza sul contributo ulteriore di Società Autostrade con il casello a valle”.

Da Santa Veneranda il sindaco si è poi spostato in centro, e più precisamente in via Marsala dove verrà realizzato il primo micro-progetto di un privato per riqualificare una zona pubblica della città. Il tutto grazie ad una legge di tre anni fa che permette ai singoli cittadini di sistemare un angolo di città con progetti di portata economica non superiore a 100mila euro, con l’incentivo di uno sconto del 36% sull’importo complessivo del progetto. Ciò comporta un risparmio per la comunità perché è il privato che risistema a sue spese un suolo pubblico, ma anche un risparmio di tempo perché le lungaggini che ha il Comune con tutti i vari bandi per riqualificare un’area, con il privato vengono saltate.

“Il primo micro-progetto di Pesaro – descrive il primo cittadino – è stato proposto da una persona nota in città, Juri Fazi, e riqualifica un angolo di Via Marsala che è vicino alla sua attività, la Gelateria Juri. È una zona un po’ trascurata che diventerà sistemata, pavimentata, con panchine, cestini e rastrelliere per le bici e che sarà a disposizione di tutti. E anche lo stile rispetterà quello della città. In pratica, sembrerà una riqualificazione fatta dal Comune, anche se è un privato che di sua iniziativa ci mette le risorse”.

E Ceriscioli si è soffermato molto su questo progetto, nella speranza che l’esempio di Juri venga seguito anche da altri cittadini, anche con interventi piccolissimi come possono essere una panchina o una fontanella, ma che aiutano l’amministrazione a rendere più bella e vivibile la città.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>