Finto povero intasca 100mila euro di aiuti all’agricoltura

di 

27 marzo 2012

PESARO – Povero per il Fisco, compila false dichiarazioni incassando aiuti all’agricoltura per oltre 100mila euro. Come noto, il settore delle politiche agricole, in ragione della mole di finanziamenti e relative misure adottate, costituisce un’appetibile occasione per la perpetrazione di frodi. In tale ambito, i militari del nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Pesaro hanno individuato e stroncato il sistema fraudolento architettato da un agricoltore pesarese 57enne, povero per il Fisco, che, mediante la compilazione di denunce annuali di registrazione di fondi rustici, dichiarazioni di comodato verbale gratuito e dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà, tutte false, ha incassato indebitamente finanziamenti comunitari per aiuti all’agricoltura quantificati in più di 100mila euro.

Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza scopre truffa al bilancio comunitario

L’imprenditore agricolo, traendo in inganno i funzionari dell’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura), presentava, a corredo delle domande di aiuto all’agricoltura, i falsi titoli, per attestare il possesso dei terreni seminativi, destinati a grano e granturco, regolarmente coltivati dagli inconsapevoli e legittimi proprietari.

Le indagini condotte dai finanzieri, che hanno interessato un arco di tempo che va dal 2002 al 2009, hanno tratto origine da una denuncia presentata per occupazione abusiva di terreni operata dal citato agricoltore, proprietario soltanto di una piccola parte degli appezzamenti oggetto degli accertamenti.

Pertanto, con l’accusa di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, l’indagato è stato denunciato all’autorità giudiziaria e rischia la pena della reclusione fino a 6 anni, soggiacendo al pagamento di una sanzione pecuniaria pari all’importo del finanziamento comunitario illegittimamente percepito.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>