Cavaliero, un ex che sa come si vincono i derby

di 

29 marzo 2012

PESARO – Due ex, entrambi in maglia Vuelle. Ma uno, Cavaliero, è più ex dell’altro, Flamini.

E’ vero che – almeno nella stagione regolare – tutte le partite dovrebbero essere uguali, me ce ne sono alcune che non possono essere uguali alle altre. In particolare quando si affronta l’ex squadra. Diamine, è come se per strada si incontra una ragazza alla quale si è voluto molto bene e si fa finta che non esista più. Chi lo dice è un bugiardo. Daniele Cavaliero non è un bugiardo e non dimentica le stagioni trascorse a Montegranaro, anche se domenica farà di tutto per dare un dispiacere agli ex tifosi.

Scavolini Siviglia-Venezia, Daniele Cavaliero

Daniele Cavaliero. Foto Giardini

Non nego che è una partita particolare, anzi speciale. Ho sempre detto e lo ribadisco che sono stato benissimo a Montegranaro, dove ha trascorso tre anni molto importanti. Però adesso sto molto bene a Pesaro, dove ho trovato una società, una squadra, un gruppo e una città che amano il basket come lo amo io. Sono felicissimo di essere qui”.

Daniele ha contribuito a fare vincere i derby alla Sutor che si scatena sempre quando incontra la Vuelle. Come viveva lo spogliatoio di Montegranaro prima delle sfide a Pesaro?

Come a Pesaro. Con grande voglia di giocare, con grandi aspettative. Si entrava in clima derby fin dal primo istante dopo la conclusione della partita precedente. In questi anni con Montegranaro sono stato fortunato a vincerne qualcuno, ma adesso dobbiamo cominciare una striscia positiva con la Scavolini Siviglia…”.

Anche perché è vero che le partite contano due punti, ma voi siete entrati nel periodo in cui vincere conta di più.

Siamo contenti di essere venuti fuori da momenti difficili, che non sono mancati. Ci siamo riusciti con il lavoro di un gruppo molto compatto che ha sempre guardato nella stessa direzione. E questo ci ha portato a vivere un momento felice che fa bene sperare. Chiaro che adesso ogni partita comincia a valere un po’ più di due punti. Ma – come dicono sempre il coach e il suo staff, ed è un’affermazione giustissima – partite così e soprattutto i derby, che sono gare che fanno storia a sé, possono essere decise da un episodio, regalando punti che alla fine della stagione possono collocarti in una posizione migliore o peggiore della classifica al termine della stagione regolare. Dobbiamo essere attenti, concentrati su ogni possesso, offensivo o difensivo”.

Come crede che l’accoglierà la tifoseria della Sutor?

Non lo so. Posso solo dire che a Montegranaro ho persone alle quali voglio bene e sono contento che qualcuna di loro venga a vedere la partita. Poi il pubblico fa quello che ritiene più giusto e io lo rispetto”.

Stasera, la Vuelle si ritrova a cena per festeggiare le quattro vittorie consecutive (Treviso, Avellino, Cantù e Teramo). Si fa gruppo anche a tavola.

A proposito di tifosi, la Scavolini Siviglia comunica che alle ore 18 di giovedì sono stati venduti 350 biglietti per assistere al derby di domenica. Nel totale parziale, ovviamente, sono compresi quelli dei club organizzati. I tagliandi saranno ancora a disposizione degli interessati nella giornata di venerdì in orario d’ufficio, presso la sede della Vuelle in Largo Ascoli Piceno, 23.

E chi non potrà andare ad Ancona, dove si giocherà il derby (ore 18,15 PalaRossini, zona sportiva dello stadio Del Conero) avrà la possibilità di vedere la sfida tra Montegranaro e Pesaro perché Tvrs Marche trasmetterà in diretta Fabi Shoes-Scavolini Siviglia sul canale 111 del Digitale Terrestre con telecronaca di Marco Bedinotti.

Infine la Vuelle informa che per festeggiare il 42° compleanno di Carlton Myers, venerdì 30 marzo, il Vuelle History Channel proporrà un video a lui dedicato. Si tratta di una selezione, a cura di Claudio Iacchini, delle azioni più spettacolari in maglia Scavolini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>