Spacciava nei bar della Valcesano: arrestato

di 

30 marzo 2012

PERGOLA – I carabinieri della stazione di Pergola, nel corso dei servizi di controllo del territorio predisposti dal comando della compagnia di Fano per la prevenzione e la repressione dei reati contro il patrimonio e la persona, l’altra sera hanno tratto in arresto un 20enne marocchino – già noto alla giustizia – trovato in possesso di circa 7 grammi di cocaina e di 46 circa di hashish suddivisi in una ventina di dosi pronte per lo spaccio.

Carabinieri di Pergola e San Lorenzo in Campo

Carabinieri in azione

Lo straniero pare fosse solito frequentare bar e pub frequentati da giovani del luogo e dei comuni limitrofi dediti al consumo di stupefacenti. Le indagini dei militari hanno poi permesso di capire che lo spaccio avveniva nella zona dei giardini per evitare occhi indiscreti. Lo stupefacente e gli appunti trovati in possesso del giovane sono stati quindi sottoposti a sequestro.

Il marocchino, che deve rispondere delle accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato pertanto tradotto in carcere.

Alcuni giovani, invece, sono stati trovati in possesso di modiche quantità di hashish, marijuana e cocaina che detenevano per uso personale. Nei loro confronti è stata inoltrata una segnalazione all’Ufficio territoriale del governo – Prefettura di Pesaro e Urbino – per l’applicazione delle sanzioni amministrative previste per legge, quali la sottoposizione a programma terapeutico e la sospensione della validità della patente di guida, mentre lo stupefacente è stato sottoposto a sequestro.

Sempre i militari di Pergola hanno fermato e tratto in arresto un 48enne pregiudicato, in quanto colpito da ordine di carcerazione dovendo scontare la pena di 2 anni due e 4 mesi di reclusione perché già condannato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Il 48enne è stato rinchiuso nel carcere di Pesaro.

Inoltre i militari hanno tratto in arresto un 33enne, anch’egli già noto alla giustizia e anch’egli colpito da un provvedimento di arresto dovendo scontare la pena di un anno e 2 mesi di reclusione in quanto condannato per false dichiarazioni sulla identità o su qualità personali o di altri e guida con patente revocata. Il 33enne è stato rinchiuso nel carcere di Pesaro.

Due denunce per guida in stato di ebbrezza alcolica sono state formulate nei confronti di un 37enne e di un 46enne della zona, sorpresi alla guida delle proprie autovetture con un tasso alcolico superiore al limite consentito. Le due patenti di guida sono state ritirate.

A San Lorenzo in Campo, invece, i carabinieri della locale stazione dei carabinieri hanno denunciato per furto aggravato in concorso due marocchini residenti nella zona. I due – già noti alla giustizia – avevano rubato una lavastoviglie del valore di 400 euro circa, che era stata lasciata dinanzi all’ingresso di un negozio in attesa di riparazione, caricandola sul loro furgoncino. A seguito della denuncia di furto formulata dal proprietario dell’elettrodomestico i militari hanno poi avviato le indagini che hanno consentito di individuare i responsabili e di recuperare la refurtiva che è stata restituita al legittimo proprietario.

Una denuncia per false attestazioni o dichiarazioni a un pubblico ufficiale è scattata a carico di una 58enne straniera che, al fine di eludere i controlli, forniva ai militari false generalità venendo poi smascherata e generalizzata a seguito del rinvenimento dei suoi documenti di identità, che aveva nascosto all’interno dell’autovettura in uso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>