Urbino, “La Città Ideale”: da domani l’attesissima mostra

di 

5 aprile 2012

URBINO – Nella città dei duchi, tutto pronto per la Città ideale. Tra le immagini pittoriche più famose, e al contempo misteriore, al mondo, il dipinto è al centro di una grande mostra che si apre domani a Urbino, nello splendida cornice di palazzo Ducale.

La Città ideale

Da domani all’8 luglio prossimo saranno esposte 50 preziose opere provenienti dai maggiori musei italiani e stranieri: dipinti, disegni, tarsie, libri miniati dei grandi maestri come Fra Carnevale, Perugino e ovviamente Raffaello, che raccontano lo splendore del Quattrocento urbinate e del suo Rinascimento matematico.

La Città Ideale. L’utopia del Rinascimento a Urbino nasce da un’idea di Lorenza Mochi Onori, direttrice regionale per i Beni culturali e paesaggistici delle Marche, che dal 2003 sognava di riunire nella Galleria nazionale delle Marche di palazzo Ducale le tre versioni della grande tavola, la cui realizzazione è ancora avvolta nel mistero. Due sono oggi custodite al museo di Baltimora e a Berlino, ma quest’ultima è in cattive condizioni di conservazione e quindi non sarà presente per impossibilità di spostarla.

Quindi sono solo due le tavole che si fronteggiano nella mostra urbinate, in un percorso espositivo che illustra come dal Medioevo si sia sviluppata l’immagine della città e come solo ad Urbino sia nata “la sua rappresentazione quale momento filosofico e politico di equilibrio totale”.

 

LA CITTA’ IDEALE

La tavola dipinta con la Città ideale nella Galleria Nazionale delle Marche costituisce uno dei più affascinanti enigmi del Rinascimento italiano. Non se ne conoscono né la funzione né l’autore, eppure essa appare come un compendio di arte, scienza e speculazione filosofica, uno dei più alti raggiungimenti della civiltà fiorita a Urbino nella seconda metà del Quattrocento, alla corte del Duca Federico da Montefeltro, il più dotto ed illuminato fra i signori del suo tempo.

La mostra è promossa dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici delle Marche, dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici delle Marche, dalla Regione Marche, dalla Provincia di Pesaro e Urbino, dal Comune di Urbino, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro e dall’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” e da Banca Marche. L’organizzazione è affidata a Gebart con la collaborazione di Civita. Il catalogo è edito da Electa.

 

SORRIDE RICCI

Il presidente della Provincia Matteo Ricci come al solito ha affidato ai social network un pensiero sull’evento. “Si inaugura a Urbino la mostra su “La Città ideale” – ha scritto in un post di Facebook – un grande evento culturale e turistico. Un’occasione unica per rimarcare l’innovazione culturale e politica del Rinascimento, uno stimolo per chi come noi prova ad immaginare e progettare un nuovo modello di sviluppo alla luce della grave crisi economica…”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>