“Gradara è isolata”. La denuncia della Cna

di 

12 aprile 2012

GRADARA – “Gradara sta pagando il suo isolamento con danni gravissimi per le imprese e il sistema economico e turistico”. La denuncia arriva dalla Cna di Gabicce Mare che nel corso dell’ultimo direttivo ha discusso della questione relativa alle conseguenze sul territorio a causa dei lavori di costruzione della terza corsia autostradale che hanno di fatto cancellato lo svincolo per il paese di Paolo e Francesca dalla Statale 16 all’altezza della centrale Enel.

Gradara

Una veduta panoramica di Gradara

La denuncia della Cna è forte: “Non si può isolare un intero territorio comunale con decine di attività artigianali e commerciali per scelte incomprensibili. Il progetto dell’Anas con l’idea di cancellare l’uscita di Gradara e di costruire un mega svincolo con ponti e rampe, che costringerà gli automobilisti a fare un vero e proprio giro dell’oca per poter raggiungere Gradara, è semplicemente folle – dice il presidente della Cna di Gabicce Mare Alceo Ugoccioni – per molte ragioni. Innanzitutto per l’impatto ambientale che avrà. Nella valle del castello di Gradara costruire un mega ponte di 10 metri di altezza con rampe e vie d’accesso stile Los Angeles non ci pare compatibile con il buon gusto e soprattutto con il buon senso ed il rispetto del territorio. Inoltre di questi tempi ci pare un’impresa faraonica dai costi ingiustificati anche alla luce dell’alternativa che hanno posto le amministrazioni locali all’Anas, ovvero quello di realizzare una semplice rotatoria”.

“Con qualche centinaio di migliaio di euro – sostiene il coordinatore della Cna pesarese, Moreno Bordoni – si potrebbero risparmiare almeno 3 milioni di euro (tanto costerebbe il ponte con le relative opere) realizzando una semplice rotatoria che avrebbe un ridottissimo impatto ambientale e che risolverebbe presto ed in maniera efficace il problema dello svincolo per Gradara. L’attuale fase di stallo (la questione è ferma alla direzione generale dell’Anas) non fa che allungare in maniera preoccupante i tempi e Gradara rischia di presentarsi alla prossima stagione turistica ancora isolata. Attualmente il centro è raggiungibile solo dallo svincolo della SS16 all’altezza di Colombarone, unica via di accesso al paese di Paolo e Francesca”.

“Una situazione – conclude il direttivo della Cna – che sta diventando insostenibile e per la quale chiediamo un intervento urgente delle istituzioni locali e dei parlamentari presso la direzione generale dell’Anas per cercare di sbloccare l’attuale fase di stallo e scongiurare scelte insostenibili dal punto di vista ambientale ed assai discutibili sul piano dell’efficacia e dei costi alla collettività”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>