La musica scandinava a Fano: nuovo programma al Teatro della Fortuna

di 

12 aprile 2012

FANO – Cambio di programma anche per il quarto appuntamento dei Concerti di Mezzogiorno. Domenica 15 aprile il Teatro della Fortuna di Fano avrebbe dovuto ospitare Olga Giusy Mazzia, prima arpa dell’Orchestra del Teatro alla Scala e dell’Orchestra Filarmonica della Scala, in duo con Diego Dini Ciacci, uno dei migliori oboisti italiani, nell’ambito dei Concerti di Mezzogiorno organizzati dalla Fondazione Teatro della Fortuna in collaborazione con l’Associazione Amici del Teatro della Fortuna, a cura di Saul Salucci. Purtroppo il concerto dovrà essere sostituito a causa di una norma della legge 64/2010 in vigore dal 1° gennaio 2012 che vieta agli artisti dipendenti delle quattordici Fondazioni Lirico Sinfoniche, tra cui appunto il Teatro alla Scala, qualsiasi prestazione di lavoro autonomo.

Ulf Carlson e Wilhelm Schaaf

Ed anche in questo caso l’organizzazione dei Concerti di Mezzogiorno, nella persona del coordinatore artistico, Noris Borgogelli, ha trasformato la necessità in virtù, proponendo un programma davvero interessante e coinvolgente dedicato alla splendida musica scandinava ed interpretato da musicisti scandinavi, il violinista Ulf Carlson e il pianista Wilhelm Schaaf. Questa sostituzione recupera così anche la formazione saltata (per lo stesso motivo) il 4 marzo, appunto duo violino e pianoforte, e vede in campo sempre un’altra spalla di un importante teatro del nord Europa, Ulf Carlson, per venti anni primo violino all’Opera Reale di Stoccolma.

Il duo propone un programma di brani di autori scandinavi a cavallo del Novecento. Si comincia con Quattro acquerelli di Tor Aulin, violinista, direttore e compositore svedese, fondatore dell’Aulin Quartet, primo quartetto svedese professionale a tempo pieno. Aulin è stato direttore principale all’Opera di Stoccolma ed ha composto un gran numero di pezzi per orchestra e da camera, compresi una sonata, tre concerti e molti piccoli brani per il suo strumento, il violino. Si prosegue con la Romanza, op. 26 di Johan Svendsen, anch’egli violinista, direttore e compositore ma norvegese, che fu direttore musicale della Corte e del Teatro Reale di Copenhagen e amico di molti musicisti suoi connazionali tra cui Edvard Grieg. La Romanza op. 26 è certamente il brano più famoso di Svendsen, un successo popolare nei paesi del nord Europa e che ebbe all’epoca diverse trascrizioni. Il concerto si chiude con la Sonata n. 3 in Do min., op. 45 di Edvard Grieg, considerato il più grande compositore norvegese, dotato di uno stile facilmente riconoscibile che gli dette un’enorme popolarità mentre era ancora in vita, godendo anche dell’ammirazione di personaggi quali Čajkovskij e Verdi. A ragione la n. 3 è la più celebre della terna di sonate per violino e pianoforte composta da Grieg. Rispetto ai lavori precedenti, la straordinaria freschezza dell’invenzione melodica, la finezza del linguaggio armonico, il costante riferimento alla musica popolare scandinava come fonte inesauribile di ispirazione, pur confermandosi punti di forza della scrittura vi appaiono meglio coordinati e risolti nel contesto costruttivo e formale del genere.

Ulf Carlson ha scelto di vivere in Italia, e a Fano in particolare, ormai da qualche anno. Ad affiancarlo in questo concerto un suo vecchio amico di studi e partner in innumerevoli concerti, che lo ha raggiunto per l’occasione dalla Svezia, il pianista Wilhelm Schaaf, finlandese di nascita e svedese di adozione che in duo con Carlson ha eseguito il più importante repertorio dedicato a questa formazione.

Inizio concerti ore 12.00.

Info. Botteghino Teatro della Fortuna 0721.800750, botteghino@teatrodellafortuna.it

Biglietti. Posto unico € 7,00; ingresso gratuito ai minori di 18 anni.

Al termine aperitivo del Caffè Centrale nel foyer del teatro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>