Domani a Urbania convegno sulla malformazione di Chiari

di 

13 aprile 2012

URBANIA – La Malformazione di Chiari è una patologia rara e congenita del sistema nervoso centrale, che può presentarsi singolarmente o in associazione con altre malformazioni, come la siringomielia, la craniostenosi, l’ancoraggio midollare. Proprio perché rara, la patologia non è ben conosciuta. E sia i medici di base che i pediatri raggiungono la diagnosi non senza difficoltà, visto che i sintomi sono di varia natura e associabili ad altre diagnosi.

L’associazione di volontariato Aima Child, per sviluppare un programma di informazione scientifica e sensibilizzazione medica, in occasione della seconda edizione del Chiari World Day organizza, grazie alla referente regionale Maria Grazia Martinelli, il convegno nazionale sulla malformazione di Chiari, che si terrà domani (sabato 14 aprile), a Urbania, nel teatro Bramante, dalle ore 9.30. L’iniziativa è patrocinata dalla Provincia, dal Comune di Urbania e dalla Sinch, società italiana di neurochirurgia. Il programma prevede i saluti dell’assessore provinciale ai Servizi sociali Daniela Ciaroni, del sindaco Giuseppe Lucarini, del direttore sanitario Asur Urbania-Urbino Romeo Magnoni. Tra i relatori, primari neurochirurghi e ortopedici dei maggiori ospedali italiani del centro Italia, come Bellaria e Rizzoli di Bologna, Meyer di Firenze, Gaslini di Genova, Gemelli di Roma, Borgo Trento di Verona, che presenteranno studi ed esperienze sulla patologia. Prevista l’affluenza di oltre 150 medici italiani, oltre a specialisti, terapisti, infermieri che potranno confrontarsi coi relatori durante e al termine dei lavori. Nel corso del convegno verrà presentato il progetto “Chiariamo”, progetto di analisi e ricerca sulla Malformazione di Chiari, insieme al comitato scientifico che cura l’iniziativa.

“E’ importante – sottolinea l’assessore Daniela Ciaroni – tenere alta l’attenzione sui temi legati alle malattie rare. L’impegno delle istituzioni guarda al progresso scientifico e all’innovazione tecnologica, elementi fondamentali per consentire diagnosi precoci e alta qualità dei servizi. Anche in futuro, quando con una diminuzione complessiva di risorse a livello generale dovremo fare meglio con meno. Per questo, la valenza scientifica dell’incontro, nella nostra comunità, è assolutamente rilevante”.

“Il Comune di Urbania – spiega il sindaco Giuseppe Lucarini – è lieto e ringrazia l’associazione per averci scelto per un convegno nazionale di altissimo livello con professori e studiosi delle principali realtà di tutta Italia. L’iniziativa è tanto più lodevole perchè è sviluppata attraverso il volontariato e la partecipazione delle persone e la nostra città da sempre è sensibile ai valori della solidarietà. Credo che sia compito dello Stato e degli enti pubblici coadiuvare aiutare nobili cause anche quando non c’è un ritorno economico diretto”.

Al termine, cena di beneficenza promossa dal Rotary Club Cagli e offerta da Cimas. Conclusione nel teatro Bramante con l’esibizione live di due gruppi locali emergenti: Emergency Exit e Warning Sign, e un’estrazione a premi, il cui ricavato sarà devoluto interamente all’associazione per la realizzazione del progetto “Chiariamo”.

2 Commenti to “Domani a Urbania convegno sulla malformazione di Chiari”

  1. It’s nearly impossible to find educated people for this subject, but you sound like you know what you’re talking about!
    Thanks

    Here is my website :: home fire deaths *http://excellfiresafety.wordpress.com*

  2. Having read this I thought it was really informative.
    I appreciate you finding the time and effort to put this article together.

    I once again find myself spending a significant amount of time both reading and
    posting comments. But so what, it was still worthwhile!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>