Memoria, memorie: si presenta il volume su 150 anni di storia delle Marche

di 

15 aprile 2012

PESARO – Venerdì 20 aprile alle ore 18, nell’auditorium di palazzo Montani Antaldi, il Circolo della stampa di Pesaro propone, in collaborazione con la Società pesarese di studi storici, la presentazione del volume miscellaneo a cura di Marco Severini Memoria, memorie: 150 anni di Storia nelle Marche (il lavoro editoriale, Ancona 2012). Il volume viene presentato da Lidia Pupilli, con un intervento di Claudia Colletta.

Memoria, memorie_115 anni di storia delle Marche

Memoria, memorie_115 anni di storia delle Marche

Memoria, memorie affronta – a 150 anni dal compimento dell’Unità nazionale – certe tracce sedimentate dalla memoria storica nelle Marche in età contemporanea. Quattordici studiosi di diversa estrazione, coordinati da Marco Severini (università di Macerata), analizzano altrettanti personaggi, miti, monumenti, istituzioni e realtà socio-economiche della regione adriatica non solo nel loro dato storico ma anche, e soprattutto, per la memoria e l’attrattiva che quei fatti hanno esercitato su generazioni di marchigiani: si va dal comporsi dei casi risorgimentali nella memoria collettiva al ricordo della Settimana rossa; dal costituirsi dei musei civici nella Regione a casi di urbanistica fascista; dall’epopea di un brigante ascolano, “fervido difensor del tron di Dio”, alla contrastata erezione del monumento alla battaglia di Castelfidardo; dal ricordo degli internamenti di ebrei e altri “nemici della patria” durante l’ultima guerra mondiale alla memoria di un patto agricolo ormai spento – la mezzadria – che per secoli ha scandito queste terre.

Uno dei saggi ha per argomento Le Officine Benelli di Pesaro: su questo tema si soffermerà la relazione di Claudia Colletta.

Lidia Pupilli è dottoressa di ricerca in Storia contemporanea presso l’Università Luiss “Guido Carli” di Roma. Vicepresidente del Comitato di Ancona dell’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, è socia fondatrice e membro del Consiglio direttivo dell’Associazione di Storia Contemporanea. Redattrice della rivista “Storia e problemi contemporanei”, Lidia Pupilli è autrice di oltre cinquanta saggi e pubblicazioni, tra cui Il sogno spezzato. Lina Tanziani e il suo tempo (Affinità elettive, Ancona 2005) e la curatela di Giovanni Conti politico, costituente, storico (Il lavoro editoriale, Ancona 2010). Si è occupata in particolare di carteggi di politici e di intellettuali, di storia elettorale e di biografia politica, realizzando alcuni profili per il Dizionario biografico degli italiani.

Claudia Colletta è dottoressa di ricerca in Scienze storiche presso l’università di San Marino. Socia fondatrice dell’Associazione di Storia Contemporanea, è curatrice della rubrica Recensioni per la rivista Storia delle Marche in età Contemporanea. Nel 2011 è stata borsista presso la Rotschild Foundation Europe (sede di Londra). Redattrice di numerosi saggi, si è occupata di Storia delle religioni nell’Europa del Seicento e dell’Ottocento e di Storia dell’ebraismo in antico regime, con particolare interesse per le comunità ebraiche delle Marche.

Tra i suoi lavori La comunità tollerata. Aspetti di via materiale del ghetto di Pesaro dal 1631 al 1860 (“Pesaro città e contà // Link”, 4, 2006); un suo saggio sulla comunità ebraica di Pesaro prima e dopo il 1860 è previsto nell’imminente ultimo volume di “Historica Pisaurensia”. Attualmente lavora, per la Zamorani Editore, alla monografia Vivere “senza ghetto”: gli Ebrei nella periferia pontificia tra Sei e Settecento.

 

INDICE DEL VOLUME

Marco Severini, Senigallia divisa: Pio IX versus Girolamo Simoncelli
Patrizia Dragoni, La memoria del territorio: i Musei civici delle Marche
Lucio Febo, L’epopea dei briganti: gli Sciabolone
Eleonora Marsili, Le donne e il plebiscito del 1860: il caso di Maria Alinda Bonacci Brunamonti
Gilberto Piccinini, Il monumento e la battaglia di Castelfidardo
Luca Frontini, Giuseppe Sacconi e l’Altare della Patria
Silvia Bartolini, Il Risorgimento delle pietre. La storia di Macerata nelle lapidi cittadine
Silvia Bolotti, Macerata e la sua Università tra Otto e Novecento
Massimo Papini, Ancona: il mito della Settimana rossa
Emanuela Sansoni, Le trasformazioni della città durante il fascismo: il caso di Corridonia
Matteo Soldini, Internamento, internamenti: una pagina dimenticata della seconda guerra mondiale
Claudia Colletta, Le Officine Benelli di Pesaro: un esempio di archeologia industriale
Roberto Cresti, L’arte di ‘fare memoria’ due casi marchigiani: Anselmo Bucci e Mario Giacomelli
Federica Brunella, Il patto sfumato: la memoria della mezzadria

La cittadinanza è invitata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>