Scavo Volley tra Pistola e il “peruviano” Cristofani

di 

15 aprile 2012

PESARO – La Scavolini Volley attende il ritorno del presidente Giancarlo Sorbini per decidere il nome del nuovo allenatore. Ci risulta che la scelta sia circoscritta a due nomi: Andrea Pistola, coach della Esse.ti Loreto, protagonista in serie A2, anticipato da pu24.it, e Luca Cristofani, allenatore della nazionale peruviana che si accinge a disputare le qualificazioni olimpiche.

Andrea Pistola

Proprio stanotte il sito internet della Federación Peruana de Vóleibol comunicato che la selezione nazionale femminile sarebbe partita alle 10 (ora locale) di oggi per raggiungere l’Europa e allenarsi in vista dei tornei di qualificazione ai Giochi Olimpici di Londra 2012. A guidare la delegazione il presidente della Fpdv Juan Castro Romero. Lo staff tecnico peruviano è guidato dall’allenatore Luca Cristofani che può contare anche sulla connazionale Daniela Di Domenico. La nazionale peruviana ha scelto di allenarsi in Italia e in Gran Bretagna, dove si fermerà fino al 4 maggio disputando alcune partite amichevoli.

Ora, pensando che il presidente Giancarlo Sorbini ci aveva anticipato che la Federación Peruana de Voleybol aveva chiesto di allenarsi a Pesaro, il contatto iniziale potrebbe essere stato galeotto per Cristofani e la Robur. Luca Cristofani, che allena il Perù dal maggio 2011, in precedenza ha guidato Pomezia, Aprilia e Virtus Roma dopo anni al Volleyrò di Casal de’ Pazzi.

In tutta sincerità siamo sempre più nella traccia indicata da Giancarlo Sorbini (“Cercheremo gente che ha voglia di lavorare, si mette giù e ha il giusto prezzo”), con una carta in più per Cristofani (rispetto a Pistola): è anche fisioterapista. Particolare che non guasterebbe in un’ottica tesa al risparmio. E inoltre – ma qui rischiamo di entrare a fare parte delle comari che amano il gossip – sarebbe anche il fisioterapista di Carlo Magri, il presidente della Federazione Italiana Pallavolo.

Restando al fatto tecnico, Andrea Pistola sarebbe favorito per la sua marchigianità, visto che più volte è stato sottolineato questo valore, che ha il vantaggio di contenere i costi.

Non resta, allora, che attendere il ritorno del presidente e la comunicazione ufficiale. In attesa della scelta, è doveroso ricordare che il mondo dello sport – non solo della pallavolo – sta subendo le conseguenze della grave crisi economica e che altre importanti realtà stanno vivendo situazioni difficili. Non a caso, Vivovolley.net informa che in seguito all’appello lanciato dal presidente della Norda Foppapedretti Bergamo, Bonetti, la Nobiltà Rossoblu, storico gruppo di tifosi orobici, ha risposto invitando a raccogliere 1 milione di euro, comprando piccole quote: “La questione principale non è ” potersi ancora permettere “Arrighetti e Piccinini, o allestire una squadra altamente competitiva… La cosa fondamentale è che la Foppa è un patrimonio per Bergamo (e non solo), perchè porta nel mondo il nome di questa città lombarda. E non può sparire”. Occhio allora prima di criticare, è facile fare i grandi con i soldi degli altri.

Lutto nel volley: è morta Verónika Gómez

Ma è di queste ore una notizia tristissima per chi ama lo sport e il volley. www.notiactual.com – sito internet venezuelano – informa che Verónika Gómez, giocatrice venezuelana di 26 anni in forza al Lokomotiv Baku, squadra azera, è morta sabato in seguito a un improvviso arresto respiratorio. Verónika, schiacciatrice, era tornata a casa dopo essere stata sottoposta a un intervento chirurgico al tendine di Achille in seguito a un infortunio sofferto durante il campionato dell’Azerbaigian. Prima di giocare nel torneo azero, era stata protagonista nel Tongeren, in Belgio, nella Caja de Avila, in Spagna, nell’Uralochka, in Russia, nel Metal Galatiin, in Romania.

Descanza en paz, Verónika.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>