Torriani del Pd: “Tempi grami per i nuotatori fanesi”

di 

16 aprile 2012

FANO – “Futuro sempre più difficile per chi pratica il nuoto nella nostra città”. A scriverlo, a proposito di Fano, è Francesco Torriani, consigliere comunale del Partito democratico.

Francesco Torriani

Il consigliere del Pd fanese Francesco Torriani

“Nell’ultima seduta del Consiglio comunale – dichiara – dopo sei mesi dalla presentazione di un’interrogazione presentata dal Pd sul progetto della nuova piscina in zona Trave, in cui si chiedevano chiarimenti sul destino di tale progetto e di sapere se e quando la Giunta riterrà di attivare le procedure per l’escussione della polizza fideiussori rilasciata dal concessionario a tutela del pubblico interesse, il vicesindaco Maria Antonia Cocuzza ha finalmente risposto. La risposta è stata “purtroppo” chiarissima: ai toni trionfalistici della “famosa” conferenza stampa del 28 gennaio 2011, in cui vicesindaco e il sindaco annunciavano che era stato presentato il progetto esecutivo e che quindi era imminente inizio dei lavori, è seguita una “mesta” risposta in cui il vicesindaco ha ammesso che il progetto è di fatto bloccato e che il tutto è in mano agli avvocati per cercare una soluzione”.

“Come opposizione – continua Torriani – in più occasioni avevamo fatto presente che il progetto esecutivo era totalmente diverso da quello preliminare e che ciò avrebbe comportato un notevole aumento dei costi (da 6 milioni di euro a 12 milioni di euro) e conseguentemente avrebbe reso il progetto difficilmente sostenibile sul piano finanziario. Ciò avrebbe comportato inevitabilmente, da parte del concessionario, la richiesta di stipulare una nuova convenzione. Cosa che è puntualmente avvenuta e si richiede non solo di rivedere l’importo del canone che l’Amministrazione comunale dovrebbe pagare al concessionario, ma anche le modalità con cui ricorrere al credito per finanziare l’impianto.

Ma la cosa più grave politicamente è che gli attuali Amministratori della nostra città, dopo per aver snobbato per anni questo progetto (forse perchè era stato previsto dal centrosinistra?), ad un certo punto l’hanno cavalcato, cercando di portare a casa il risultato politico. Ciò è stato fatto in maniera confusa senza fare le opportune verifiche sull’effettiva sostenibilità del progetto stesso. Infatti, quando si presenta un progetto esecutivo così diverso da quello preliminare, se non altro in termini di costi, come Amministrazione pubblica, non si può mettere la testa sotto la sabbia, come fanno gli struzzi, e affermare che il progetto presto partirà, facendo riferimento al progetto preliminare e quindi alla prima convenzione stipulata tra comune e concessionario, perché è evidente che il piano economico finanziario del progetto esecutivo, essendo significativamente diverso dal preliminare andrà inevitabilmente ad impattare anche sulla convenzione tra comune e concessionario. Cosa, fra l’altro, che anche il vicesindaco aveva lasciato intendere quando affermò in conferenza stampa che la “lievitazione dei costi della piscina avrebbe determinato una variazione del canone che il comune avrebbe dovuto riconoscere al concessionario, portandolo da 190.000 euro per 15 anni a 200.000 euro per 20.000 anni”. La vicenda permane molto confusa. Ci chiediamo se oltre a questi problemi, ce ne siano altri. Il direttore generale, dottor Giuseppe De Leo, che aveva ricevuto dal sindaco l’incarico di seguire la vicenda da vicino, come del resto le principali questioni di quest’amministrazione, non è riuscito trovare i giusti accordi tra le parti per prospettare una soluzione alla vicenda?

Di certo il contesto generale di grave crisi economica rende il tutto ancora più difficile. Ed è per questo che è ancora più grave politicamente constatare che questa Giunta, negli 8 anni in cui ha amministrato, non è stata in grado di avviare nella nostra città cantieri degni di questo nome”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>