Urbino: i Modena City Ramblers cantano i valori della Resistenza

di 

22 aprile 2012

URBINO – “Un grande concerto per celebrare la Festa della Liberazione rivolto ai giovani e immaginato con linguaggi nuovi, ma con la volontà di ricordare da dove veniamo e la nostra storia”. Con queste parole il segretario provinciale del Pd Marco Marchetti ha spiegato le ragioni dell’atteso concerto dei Modena City Ramblers, previsto nella serata di martedì 24 aprile a Urbino. L’evento si terrà nella splendida cornice di piazza Rinascimento, non più alla Fortezza Albornoz, per una questione logistica e una valutazione organizzata. “Si farà nel cuore della città per mettere in sicurezza lo spettacolo”, afferma Marchetti.

Modena City Ramblers

I Modena City Ramblers

Alla conferenza stampa di ieri mattina nel cortile del collegio Raffaello sono intervenuti anche Lorenzo Ceccarini, segretario Pd Urbino, e Giuseppe Scherpiani, presidente Anpi di Pesaro e Urbino.

“E’ un’iniziativa straordinaria per tutto il territorio provinciale, in primo luogo per l’entroterra, con un’importante significato politico e culturale – ha esordito con orgoglio Lorenzo Ceccarini – E’ un onore ospitarlo nella città di Urbino che è stata insignita di una medaglia d’oro per la Resistenza”. Anche il segretario comunale Pd promuove la scelta della nuova location di piazza Rinascimento definendolo un “luogo suggestivo e affascinante, già sperimentato in altre occasioni”.

Pieno sostegno anche dall’Anpi. Il presidente Giuseppe Scherpiani è impegnato in questi giorni a viaggiare lungo tutto il territorio provinciale per gli appuntamenti promossi dall’associazione. Un plauso convito per quella di Urbino: “E’ un’iniziativa fresca, giovanile, senza retorica e con molto entusiasmo. Tra l’altro apprezzo da molto tempo i Modena City Ramblers – precisa sorridendo – C’è una forte domanda dei giovani di conoscere, voglia di ricordare ed essere i nuovi protagonisti per testimoniare i valori della Resistenza”. L’idea del concerto è senza dubbio positiva per il presidente Anpi: “Parlare attraverso la musica, tramandare una cultura popolare delle canzoni che ricordano i valori che hanno contraddistinto quella stagione”.

Sarà un grande evento, non una semplice commemorazione, precisa Marco Marchetti: “Vogliamo dedicare il concerto a quattro persone che sono state protagoniste della lotta di Liberazione”. Partigiani, deportati e donne nella Resistenza. Il segretario democratc si riferisce a Evio Tomasucci, Risiero Pucci, Iva Antinori e Giuseppe Panico. Figure storiche di grande spessore della provincia di Pesaro e Urbino che, purtroppo, sono venute a mancare proprio negli ultimi mesi. “La ferita è ancora viva. Il compito del Pd è ricordarle per sempre – afferma Marchetti – Pensando a loro vogliamo tenere viva la memoria di un’intera generazione che ha dedicato la propria vita per la libertà”.

D’accordo Giuseppe Scherpiani che aggiunge: “Ero legato a loro da una profonda amicizia, in particolare con Tomasucci e Panico. Avete fatto un bel gesto dedicandogli questo concerto, perché è una cosa che gli avrebbe fatto molto piacere”.

Gli ingressi al concerto saranno in via Salvalai, la via che collega la strada sotto i “torricini” adiacente al teatro Sanzio con le scalinate che portano in piazza Rinascimento. L’apertura è prevista per le 20.30. Sarà possibile acquistare il biglietto anche la sera stessa del concerto. L’organizzazione provinciale Pd, composta da molti giovani volontari, è già al lavoro da diversi giorni per la buona riuscita della kermesse. I Modena City Ramblers saranno preceduti dai “Rossopiceno” una band emergente che tra le nuove generazioni è di gran lunga conosciuta. Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per un grande spettacolo. “Modena City Ramblers a Urbino – conclude Marchetti – e il giorno dopo saremo tutti a Pesaro per accogliere il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>