Bartolini illude, poi festa Perugia. Tifoso cade dagli spalti

di 

25 aprile 2012

FANO – PERUGIA 1-3

FANO (4-3-3): Orlandi; Cazzola, Colombaretti, Antonioli, Amaranti; Ruscio, Berretti (79′ Mancini), Piccoli (79′ Raparo); Marolda, Innocenti, Bartolini (67′ Zebi). A DISPOSIZIONE: Beni, Serafini, Misin, Zebi, Urbinati, Mancini, Raparo. All. Zeman

PERUGIA (4-2-3-1): Giordano; Anania, Cacioli, Russo, Pupeschi; Benedetti, Carloto (54′ Borgese); Margarita (46′ Ferri Marini), Clemente (86′ Moneti), Moscati; Balistreri. A DISPOSIZIONE: Despucches, Zanchi, Borghetti, Borghese, Ferri Marini, Moneti, Padovani. All. Battistini

ARBITRO: Franco Castrignanò di Roma 2   Assistenti: Iorizzo e Albani di Rimini

MARCATORI: 41′ Bartolini (G), 57′ Balistreri (P), 62′ Ferri Marini (P), 68′ Ferri Marini (P)

NOTE: Ammoniti: Cazzola (F), Piccoli (F), Cacioli (P), Russo (P), Benedetti (P). Spettatori 2800 circa ( 1400 tifosi ospiti), terreno in ottime condizioni, recupero 3′  e 4′

 

Fano-Fondi, Marco Amaranti

Marco Amaranti, capitano granata. Foto Giardini

FANO – Davanti ad un pubblico delle grandissime occasioni (splendida coreografia di entrambe le tifoserie), va in scena l’attesa sfida fra Alma Juventus Fano e Perugia, valevole per il recupero della 38°giornata.

Nei locali, mister Zeman conferma l’undici che ha surclassato l’Arzanese, ad eccezione di Berretti e Antonioli che rilevano Serafini e Zebi, mentre il trainer ospite Battistini si affida al solito 4-2-3-1, dove spicca, in difesa, l’ex di turno di Cacioli e in avanti, i punteros Clemente e Balistreri.

Parte subito in quarta l’Alma che dopo un minuto sfiora il vantaggio con Ruscio, il cui tiro finisce a lato e al 12’ con Innocenti: colpo di testa a lato della porta di Giordano.

La partita non è bellissima e il Perugia non trova sbocchi per bucare la difesa granata, eccetto un timido colpo di testa di Margarita su angolo di Clemente (24’); quando ormai la prima frazione sembra destinata al pari nonostante un ottimo Fano, ecco che i padroni di casa trovano il vantaggio: scorre il 41’, quando Ivan Piccoli pennella un cross perfetto per la testa dell’ex Bartolini che fa secco Giordano, segnando il suo primo gol stagionale tra le mura amiche.

Il Perugia, colpito nell’orgoglio, rientra in campo più convinto nella ripresa chiamando Orlandi agli straordinari al 53’ su un tiro di Clemente e pareggiando 4 minuti più tardi grazie a Balistreri che insacca, di testa, una punizione di Benedetti; un minuto dopo, è ancora il portiere di casa protagonista: con la punta delle dita, mette in angolo un bel tiro di Moscati.

Continua a spingere il Grifone che addirittura, al 62’, si porta vantaggio: Ferri Marini si trova a tu per tu con l’estremo locale e lo trafigge; la formazione umbra non è sazia e al 68’ triplica, ancora con Ferri Marini, abile ad insaccare, con un colpo di testa, sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

L’Alma cerca di reagire inserendo anche forze fresche (Zebi, Mancini, Raparo) ma i tentativi non vanno a buon fine, nonostante un grande impegno fino all’ultimo secondo.

Vince così il Perugia che, grazie alla concomitante sconfitta della Vigor Lamezia sul campo del Melfi, festeggia il passaggio in 1°divisione con 2 giornate d’anticipo; applausi anche al Fano, capace di mettere alle corde la capolista nella prima frazione di gioco.

CHOC SUGLI SPALTI

Durante la partita Fano-Perugia un tifoso perugino è caduto dagli spalti: L.S. di 45 anni  è stato ricoverato nell’ospedale Santa Croce di Fano, con un sospetto trauma cranico e la frattura di due costole. L’uomo sarebbe risultato positivo all’alcoltest e al narcotest.

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>