Ricci pedala sempre di più: “Giro d’Italia, altra occasione”

di 

26 aprile 2012

PESARO – All’indomani del grande appuntamento con Napolitano, Matteo Ricci guarda già avanti. E posa lo sguardo sul prossimo evento nazional-popolare in arrivo per Pesaro e Urbino. Cartine in mano, dunque, il presidente (accompagnato dagli assessori Massimo Seri e Massimo Galuzzi) si presenta questa mattina, in sala giunta, per il vertice con Alighiero Omicioli e le amministrazioni comunali coinvolte dal passaggio del Giro d’Italia. Perché «bisogna essere pronti: il passaggio della carovana rosa con due tappe nel territorio (il 10 maggio la Modena-Fano, l’11 maggio la Urbino Porto Sant’Elpidio, ndr) rappresenta un’occasione unica. In termini di visibilità, opportunità economiche per gli operatori, promozione turistica».

Matteo Ricci

Tanto più che, osserva Ricci, «il percorso toccherà alcune tra le zone più suggestive della provincia. Pensiamo solo alla diretta televisiva per il San Bartolo e per la nostra costa. Ma anche allo spettacolo delle aree interne…». Il presidente sprona sindaci e assessori comunali: «Con la direzione della corsa i rapporti sono ottimi. Valorizziamo i punti di forza, curiamo l’accoglienza, coinvolgiamo scuole e associazioni sportive. In modo da creare un’atmosfera suggestiva, da cartolina». Il tracciato prevede, per la prima tappa, il passaggio a Gabicce Mare, Gabicce Monte, Fiorenzuola di Focara, Santa Marina, Pesaro (lungomare), Fosso Sejore e Fano. L’indomani partenza da Urbino, direzione Fermignano, Canovaccio, Calmazzo, Fossombrone, Fratte Rosa. Spuntano le idee. Si studia una pedalata per famiglie e bambini, con la presenza degli amministratori: l’ipotesi è sulla ciclabile Pesaro-Fano nel giorno della prima tappa. Ma si lavora anche al saluto al Giro con le barche a vela e le “vongoliere”, in sinergia con i club nautici. Non solo: mura illuminate di rosa su Fano e Urbino; vetrine rose per i negozi; scritte da record sulla spiaggia create con gli ombrelloni per omaggiare il passaggio della corsa. Fano punta sulla presentazione in grande stile dell’evento il 4 maggio al Teatro della Fortuna, Urbino sull’abbinamento con la mostra dedicata alle “città ideali”. «La fantasia non manca – evidenzia il presidente della Provincia – c’è grande sintonia e tutti faranno la loro parte». In fondo, fa notare qualcuno dei presenti, «tra ospitare il Giro e il presidente della Repubblica ci sono parecchie analogie…».

2 Commenti to “Ricci pedala sempre di più: “Giro d’Italia, altra occasione””

  1. Emanuele scrive:

    COME SEMPRE RICCI DA IL MEGLIO DI Sè!!! PENSA ALLA BICICLETTA COME MEZZO PER IL TURISMO E PER L’ECONOMIA MA NN è MEGLIO CHE PENSA A MEZZI MIGLIORI PER I TURISTI INVECE DI PENSARE SEMPRE CHE I MEZZI LA BICICLETTA VADANO BENE MA NON CAPISCE CHE COSI’ LA PROVINCIA NN CRESCE NON CAMBIA MARCIA… RESTEREMO ANTICHI MENTRE ALTRI PAESI E REGIONI CRESCERANNO LA PROVINCIA NOSTRA SARA’ TIPO TERZO MONDO BELLOO!!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>