Scavolini Siviglia, sconfitta agrodolce a Bologna

di 

30 aprile 2012

CANADIAN SOLAR BOLOGNA – SCAVOLINI SIVIGLIA PESARO 73-64

Canadian Solar Bologna: Koponen 16, Vitali L. 7, Poeta 13, Gigli 10, Sanikidze 9, Galius 0, Quaglia ne, Lang 5, Werner ne, Vitali M. ne, Paunic 4, Douglas-Roberts 9. All. Finelli

Scavolini Siviglia Pesaro: White 22, Cavaliero 0, Hickman 14, Alibegovic ne, Tortù ne, Flamini 0, Hackett 15, Lydeka 8, Urbutis 0, Jones 5. All.Dalmonte

Parziali: 18-20, 18-12, 15-18, 22-14

Arbitri: Cicoria, Duranti, Provini

 

Scavolini Siviglia - Varese

James White al tiro (foto Davide Gennari). Sarà lui l'ago della bilancia nello scontro contro Douglas-Roberts

BOLOGNA – Sconfitta agrodolce per la Scavolini Siviglia che riesce a “pareggiare” il più nove dell’andata perdendo 73 a 64 al termine di una partita non giocata benissimo dalla Vuelle, che ha sofferto troppo la forza fisica degli avversari, concedendogli una marea di rimbalzi offensivi. In partita fino a cinque minuti dalla sirena, Pesaro non trova le energie nel finale per l’ultimo sforzo dopo la rimonta del terzo quarto, con questa sconfitta i biancorossi scendono al quinto posto a due giornate dalla fine della regular season.

Dalmonte parte con Urbutis in quintetto al posto di Lydeka, Bologna ne approfitta subito appoggiando il gioco su Sanikidze per il primo vantaggio (7-2), Pesaro risponde alla fuga avversaria e con un contropiede di White effettua il primo sorpasso (8-7 al 4’), la difesa biancorossa sembra funzionare e un canestro di Jones chiude un parziale di dieci a zero per la Vuelle, con coach Finelli costretto a chiamare timeout per non fare fuggire la Scavolini Siviglia (12-7 al 6’), entra sul parquet anche Lydeka che si fa notare subito per un paio di rimbalzi, Hackett, da buon pesarese purosangue, sa dell’importanza della sfida e con due conclusioni acrobatiche porta Pesaro sul 16 a 9, fa il suo debutto in campionato con la maglia Virtus il serbo Paunic, appena tesserato, la Canadian si affida a Koponen che, con soluzioni personali e assist, riavvicina fino a meno due i suoi e il primo quarto si conclude sul 20 a 18.

Dalmonte inserisce Cavaliero e Flamini per aumentare l’intensità difensiva, Lydeka rimedia un pestone ed è costretto a tornare negli spogliatoi per farsi medicare, in un quintetto con poca verve offensiva, ci si affida agli uno contro uno di White che in un’entrata si procura una botta alla spalla sinistra e ritorna sofferente in panchina, Bologna sfrutta il momento e con Vitali sorpassa i biancorossi (27-24 al 14’), l’esperimento del quintetto tutta difesa non ha funzionato e Dalmonte, con qualche istante di ritardo, rimette in campo i titolari con la Scavolini Siviglia che ritrova sicurezza per il nuovo vantaggio (30-29 al 17’), Bologna è brava a catturare diversi rimbalzi offensivi e chiude il secondo quarto in vantaggio per 36 a 32.

Dando un’occhiata alle statistiche di metà partita si notano i soli cinque tiri presi dalla coppia Jones-Hickman, attesi ad un pronto riscatto nella ripresa e un desolante zero su quattro da tre della Vuelle che soffre anche nella lotta a rimbalzo.

Inizio ripresa di marca bianconera che con un contropiede di Poeta si porta al massimo vantaggio (44-34 al 22’), si aspetta ancora la prima tripla della Scavolini Siviglia che non ha il solito contributo da un Hickman in difficoltà sui continui raddoppi della difesa bolognese, finalmente Jones trova un triplone centrale in un momento di abulia offensiva (47-39 al 25’), Dalmonte prova la zona per limitare un Peppe Poeta indiavolato e si rivede anche White con un’entrata di puro fisico che riporta la Vuelle a meno quattro (49-45 al 38’), ma ci vuole la prima sospirata tripla di serata per Hickman per far tornare a meno uno la Vuelle (51-50) allo scadere del terzo quarto.

Una schiacciata di White inaugura l’ultimo periodo, con la Scavolini Siviglia che torna in vantaggio dopo essere stata sotto anche di undici punti, le due squadre sanno dell’importanza dei due punti in palio e non riescono a esprimere un grande basket, con diverse palle perse in modo banale, è il turno di Koponen di prendersi sulle spalle i suoi con la tripla del più 3 (58-55 al 35’), la Canadian Solar appoggia il gioco sui suoi lunghi, con canestri facili concessi sull’eterno problema dei troppi rimbalzi offensivi lasciati agli avversari e si entra negli ultimi tre minuti con Bologna avanti sul 64 a 57, Pesaro non ha più la forza di rientrare in partita e nell’ultimo minuto si gioca per difendere i nove punti con cui la Vuelle aveva vinto all’Adriatic Arena, White schiaccia per il meno sette a 20” dalla sirena, Douglas-Roberts fa due su due dalla lunetta, lasciando l’ultimo tiro ai pesaresi con cinque secondi sul cronometro, ma Hickman chiude una partita sottotono perdendo banalmente il pallone per una sconfitta amara. Risultato finale: 73-64.

PAGELLE:

WHITE: 22 punti e sette falli subiti per l’americano, sempre pericoloso quando può correre, spreca qualcosina di troppo, ma è il migliore dei suoi, 6.5

CAVALIERO: Serataccia per il triestino, in difficoltà sulla marcatura dei piccoli bolognesi e in confusione nelle scelte offensive, 5

HICKMAN: Quando non gioca bene ne risente tutta la squadra, Ricky fatica a trovare il ritmo, raddoppiato sistematicamente dalla difesa Bolognese, anche cinque perse per una delle peggiori prestazioni in maglia biancorossa, 5,5

FLAMINI: Meno tre di valutazione in 17 minuti sul parquet, un solo rimbalzo faticando contro I lunghi bianconeri, può dare un maggior contributo, 5

HACKETT: Si prende la squadra sulle spalle, sopperendo in parte alla serata no di Hickman, sette su quattordici dal campo, faticando non poco a trovare i pertugi nella difesa Bolognese, lotta sempre come un leone, 6,5

LYDEKA: Servito poco, si fa trovare pronto sugli scarichi, anche sei rimbalzi per il lituano, 6

JONES: Avrebbe bisogno di qualche giorno di riposo, sparacchia da tre e porta a casa comunque otto rimbalzi, anche se molte volte si scorda del tagliafuori, cinque punti come il voto in pagella, 5

URBUTIS: In quintetto iniziale a sorpresa, il buon Arminas si fa notare per i due falli in cinque minuti e poco altro, NG

 

Un commento to “Scavolini Siviglia, sconfitta agrodolce a Bologna”

  1. La Cameriera scrive:

    D’accordissimo con le pagelle, aggiungerei solo il fatto che senza un buon elemento sotto le plance che dia forza li sotto e permetta opzioni difensive oltre a Jones (Sanikidze è sembrato una guardia sui primi passi), sarà dura nei playoff. Pero CUORE IMMENSO dei nostri. Quindi avanti e vediamo dove arriviamo!!!

Rispondi a La Cameriera Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>