Il Fano chiude col botto: 2-1 all’Aquila

di 

6 maggio 2012

ALMA JUVENTUS FANO – L’AQUILA 2-1
ALMA JUVENTUS FANO (4-3-3): Beni; Colombaretti, Mucciarelli, Antonioli, Amaranti; Ruscio, Piccoli, Berretti (86′ Urbinati); Marolda, Innocenti (92′ Di Stefano), Mancini (67′ Muratori). A disp. Conti, Cesaroni, Cencioni, Urbinati, Forabosco. All. Zeman
L’AQUILA (5-3-2): Testa; Calvarese (70′ Di Stefano), Meacci, Prizio (92′ Donadio), Prete, Pietrella; Catinali, Agnello, Cunzi (92′ Galano); Cavaliere, Carcione. A disp. Modesti, Leone, FontanaCoduti. All. Papagni
ARBITRO: Piccinini di Forli (assistenti Gotti di Bologna e Pennacchio di Faenza)
RETI: 20′ Marolda, 60′ (rig.) Cavaliere, 81′ Innocenti
NOTE: giornata cupa, terreno di gioco in ottime condizioni, spettatori 400 circa; ammoniti Mucciarelli, Antonioli, Ruscio, Prete, Cunzi

 

Fano-Neapolis, esultanza secondo gol Marolda

Il Fano esulta all'ennesima vittoria stagionale (foto Marco Giardini)

FANO – Per la 42esima ed ultima giornata di campionato, al Mancini è sfida fra Fano e L’Aquila, in un pomeriggio cupo e davanti a circa 400 spettatori. Nei padroni di casa, oggi in tenuta completamente bianca, mister Zeman propone il suo 4-3-3 con Piccoli regista di centrocampo e il trio Marolda-Innocenti-Mancini a far male alla difesa a 5 proposta dal tecnico ospite Papagni, che lascia a Cavaliere e Cunzi il compito di impensierire la difesa granata.

Pronti via ed è subito L’Aquila: al 1’ minuto bel tiro di Carcione ma Beni risponde presente. Dopo una fase sostanzialmente equilibrata, con gli ospiti che provano a far male in contropiede, al 20’ minuto arriva il vantaggio Alma: grande discesa di Amaranti sull’out di sinistra, Testa si salva sul colpo di testa di Innocenti ma nulla può sul tap-in di Marolda, alla nona segnatura stagionale.

Una volta trovato il gol, i padroni di casa giocano meglio e al 34’ il raddoppio sembra cosa fatta, però l’estremo ospite si salva su un tiro a botta sicura di Marolda, dopo una magia di Innocenti. Sempre Fano, sul finire del tempo, con Piccoli che imbecca Mancini, il quale non aggancia per un soffio. Al 43’ c’è gloria anche per Alessandro Beni che risponde da campione una bella punizione del fantasista ospite Carcione.

La ripresa comincia con gli stessi effettivi e i granata vanno nuovamente vicini al raddoppio con un tiro di Ruscio che finisce di poco a lato. Quando meno te l’aspetti L’Aquila pareggia: il signor Piccinini concede un calcio di rigore molto dubbio che il bomber Cavaliere trasforma (60’).

S’infiamma la gara: gran tiro al volo di Mancini respinto da Testa e sul capovolgimento di fronte il protagonista è ancora Beni che compie due miracoli, prima su Cunzi e poi su Calvarese (65’).

Dopo una fase di gioco equilibrata, scorre il minuto 81 quando Berretti serve in profondità Muratori che è bravo a mettere al centro per Innocenti che insacca il gol del 2-1, che sarà anche il risultato con cui si chiuderanno le ostilità.

Termina così la stagione e per il Fano, le sensazioni in vista del futuro sono più che positive.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>