Festa dell’Europa a Baia Flaminia, solidarietà tra le generazioni

di 

9 maggio 2012

PESARO – Grande partecipazione di scolaresche a Baia Flaminia per l’iniziativa “Pesaro Made in Europe”, promossa dalla Provincia (attraverso il proprio Europe Direct) e dal Comune di Pesaro in occasione della “Festa dell’Europa”. Nell’Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni, la festa ha puntato l’attenzione sulle opportunità che la nuova Europa dovrà offrire ai giovani per rilanciare quel processo di crescita e sviluppo che era negli occhi e nelle menti di chi l’Europa l’ha vista nascere, il 9 maggio 1950. Dopo i saluti dell’assessore ai Quartieri e Partecipazione del Comune di Pesaro Andrea Biancani, che ha ringraziato quanti hanno partecipato all’organizzazione della festa, il presidente della Provincia Matteo Ricci ha evidenziato tra i grandi risultati dell’Unione europea “non solo la moneta unica, ma soprattutto il fatto di aver garantito oltre 60 anni di pace”.

Un momento dell'incontro

L’Europa, ha detto, “dovrà restare unita anche per superare il difficile momento economico, dovrà esserci solidarietà tra gli Stati, ma soprattutto dovrà essere garantita in pieno la rappresentanza dei cittadini: abbiamo bisogno di arrivare alla creazione degli Stati Uniti d’Europa, un luogo vero di decisione europea”. L’assessore provinciale alle Politiche comunitarie Tarcisio Porto si è soffermato sulle opportunità di scambio di conoscenze tra le generazioni, dando la parola ad un’ottantenne, Tino Cardinali, che ha ricordato come si viveva in Italia prima della costruzione dell’Europa e le difficoltà di spostamento tra gli Stati. Si è quindi parlato dell’invecchiamento attivo, della possibilità per i più anziani di continuare a svolgere un ruolo nella società, vivendo nel modo più sano e gratificante possibile. Al riguardo, la responsabile della Mobilità del Comune di Pesaro Paola Stolfa ha parlato dell’esperienza dei Volontari nonni Vigili” a favore degli alunni e delle famiglie. Molte le opportunità di studio e lavoro offerte ai giovani dall’Europa, evidenziate dalle testimonianze di ragazze e ragazzi che hanno partecipato ai programmi “Erasmus”, “Leonardo Da Vinci” e “Servizio Volontario Europeo”, sottolineandone pregi e difetti. Tanti anche i luoghi dove accedere alle informazioni: “Europe Direct” della Provincia (di cui ha parlato Serena Cappannini) Ufficio relazioni internazionali dell’Università di Urbino (il responsabile Fabrizio Maci ha illustrato il programma Erasmus), Associazione Vicolocorto (che si occupa del Servizio Volontario Europeo, spiegato da Laura Pierfelici e Daniele Lucarelli), Servizio Eures, Sportello informativo regionale virtuale, Informagiovani del Comune di Pesaro. Premiate infine, da parte dell’assessore alle Politiche educative del Comune di Pesaro Marco Signoretti, le numerose scuole che hanno aderito all’iniziativa con questionari sull’Europa ed elaborati artistici. Questi ultimi saranno in mostra per tutto il mese di maggio nel cortile interno del Centro per l’impiego di Pesaro, in via Luca della Robbia 4.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>