Il ricordo di Pantani nella festa del popolo delle due ruote

di 

10 maggio 2012

FANO – Che giornata per noi appassionati di ciclismo, per chi ama pedalare! Le strade libere dalle automobili, senza il pericolo di tutti i giorni, sono state vissute con gioia dai cicloamatori che hanno invaso fin dal mattino la Città della Fortuna. Comitive con maglie multicolori e biciclette di tutte le marche, bambini in rosa davanti all’Arco d’Augusto. E soprattutto il piacere di pedalare in Viale Gramsci, fino a pochi metri dall’arrivo della tappa partita da Modena.

Uno striscione dedicato a Pantani a pochi metri dal traguardo in Viale Gramsci

Uno striscione dedicato a Pantani a pochi metri dal traguardo in Viale Gramsci

Una grande festa di popolo, come solo il ciclismo sa proporre, una giornata bella, calda, ma anche ventilata per il piacere di ore trascorse in attesa della carovana rosa. E tanti palloncini colorati, tanti striscioni, uno in particolare dedicato a Marco Pantani, al “Pirata” di Cesenatico che a Fano aveva tanti amici e un fans club che lo seguiva ovunque.

Una giornata di festa che ha cancellato l’amarezza di molti per il doping che ha inflitto colpi mortali a una passione sconfinata. Perché il ciclismo – più ancora di altri sport (meglio definirli giochi) – è bello seguirlo, ma soprattutto praticarlo. E oggi, da Gabicce Mare a Fano, passando per Gabicce Monte e la Panoramica San Bartolo, per Pesaro e Fosso Sejore, è stata la festa dei campioni, ma anche di tutti gli appassionati che in sella alle due ruote hanno regalato mille colori alla riviera marchigiana.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>