La rivoluzione vista dalle donne è chic… politically chic

di 

11 maggio 2012

politically chic

PESARO – Alla luce dei risultati delle elezioni amministrative, tenutesi lo scorso fine settimana, emerge un dato unico ed inconfutabile. I partiti politici classici lasciano il posto ad una voce nuova, una voce che nasce dal popolo e che da esso cresce. Crisi o impasse storico, il momento è fertile per nuove tendenze e altri protagonisti della scena sociale e politica italiana. I giovani si riappropriano di spazi e tempi che sono stati loro rubati o negati, ora più che mai le nuove generazioni si fanno promotrici di idee e portavoce di nuovi valori. Sboccia qui Politically Chic, il nuovo fenomeno moda che sta invadendo l’Italia partendo dalla Riviera Adriatica – Pesaro come luogo di origine.

“Spesso si parla di noi giovani come fossilizzati su situazioni statiche e indifferenti verso la vita sociale e morale italiana – racconta Vionnetta, una delle ideatrici del brand – questo non è del tutto vero. Se per tanti ragazzi la vita politica è cosa lontana, ci sono tanti altri che sentono l’esigenza di trovare canali per portare innovazione e cambiamento».

Nasce così Politically Chic, espressione femminile di una moda nuova dedicata alla donna contemporanea, che si esprime con un linguaggio 2.0 e che si sente protagonista elegante di un momento storico difficile.

“Noi donne siamo da sempre attrici indiscusse dei momenti di svolta, basti pensare alle lotte degli anni 70 e 80, senza andare a ritroso nella storia – aggiunge Mary Lhoo, l’altra artefice del progetto – Politically Chic vuole raccontare e disegnare il profilo di noi ragazze energiche, interessate, colte e politicamente attive. Questo non significa necessariamente rivoluzione, significa affrontare il presente con uno sguardo propositivo, chic e ragionato. La donna Politically Chic non è contro… è pro!”.

Tra le frasi riportate su T-shirt, rigorosamente Design in Italy, si trovano frasi come “Sono stanca di dormire”, o “Gracefully Indignant “ che testimoniano quanto le due ragazze – amiche da sempre, con passioni in comune – sentano la necessità di essere portavoce di un sentimento femminile, che abbracci le donne della loro generazione, ma anche quelle che si rispecchiano in valori comuni e etici.

La testimonianza più forte di questo nuovo sentire femminile viene dal mondo dei social. “Non avevamo ancora parlato di magliette o di moda, abbiamo semplicemente lanciato degli stimoli, degli slogan. Il risultato è stato straordinario: tantissime ragazze, e non solo, si sono ritrovate nei nostri stessi pensieri. Credo che questa sia la soddisfazione maggiore. In tante ci dicono che si sentono parte, finalmente, di un movimento che le rappresenta, che per quanto “frivolo” possa essere, diventa importante nella misura in cui c’è partecipazione. I cambiamenti partono da noi!” conclude sorridente Vionnetta.

Per info politicallychic@gmail.compoliticallychic.comfacebook.com/politicallychic.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>