Il maltempo non ferma il bicicletta day. Le foto

di 

13 maggio 2012

 

PESARO – Pochi, ma buoni. In altri tempi, i sacerdoti avrebbero certificato che Giove non ama i ciclisti e le piste ciclabili, e quindi neppure la “Mobilità Sostenibile”.

 

Dopo un periodo di bel tempo e un sabato da fare invidia ai giorni più belli dell’estate, come anticipato dai bollettini meteo, la domenica non è stata propizia per l’iniziativa voluta dal Comune di Pesaro che ha aderito alle manifestazioni “Bimbimbici” e “Bicincittà” e alla “Giornata nazionale della bicicletta”.

 

Cielo grigio, pioggia in lontananza, crollo della temperatura, passata dai 28-30 gradi di sabato pomeriggio ai 14 di domenica mattina. Uno sguardo dalla finestra, ma non c’è alcuna voglia di tornare a letto, anche perché – via facebook – Mobilità Sostenibile informa: “poiché stanno arrivando le prime telefonate al 3209187965 per chiedere se la manifestazione si svolge o meno, confermiamo anche qui che l’iniziativa si svolge come da programma”.

 

Colazione e poi via, in sella alla mountain bike, verso uno dei punti di ritrovo. Erano 9: Parcheggio Via Velino (Vismara): partenza ore 9.30. Parcheggio Rossini Center: partenza ore 9.45. Via Gradara – Via Gubbio: ritrovo ore 10.15. Parcheggio scambiatore Via Solferino: partenza ore 10. Parcheggio Via Mercadante: ritrovo ore 10.15. Parcheggio campus scolastico lato liceo scientifico: partenza ore 10. Parcheggio via del Novecento: ritrovo ore 10.15. Piazza Redi: partenza ore 10.15. Piazza Europa: partenza ore 10.15. Per confluire, pedalando, in Piazzale della Libertà, dove alle ore 11 era in programma un punto dimostrativo di guida sicura in bicicletta a cura delle Guide Mtb dell’A.S.D. Cultura in movimento: possono partecipare ragazzi dai 5 ai 13 anni dotati di casco.

 

Scelgo il parcheggio scambiatore di Via Solferino. Il traffico è inesistente, di ciclisti nemmeno l’ombra. Arrivo in discreto anticipo e trovo una pattuglia della polizia municipale, un addetto della Protezione Civile, gli assessori Belloni e Pascucci a bordo di un’auto elettrica, il presidente provinciale di Uisp, l’attivissimo Alessandro Ariemma, ed Ernesto Marchetti, giovane laureato in Scienze Motorie che si sta specializzando in organizzazione di manifestazioni sportive. La compagnia è buona, ma al momento sono l’unico partecipante. Mancano pochi minuti alle 10. Per fortuna, arriva, con moglie e figlio, l’assessore Pieri che per partecipare alla manifestazione ha rinunciato a un evento per appassionati di mtb: “Il Carpegna mi basta”, una gara ispirata a una famosa frase di Marco Pantani si allenava abitualmente sulle rampe che portano dalla statale Marecchiese a Carpegna.

 

Partiamo in sei, perché ci raggiunge subito Marchetti che era responsabile del ritrovo in Via Mercadante. Non si è presentato alcun ciclista. Mentre pedaliamo in Via Viterbo, l’addetto della Protezione Civile segnala che sta piovendo alla Palla di Pomodoro. Pazienza, ci bagneremo un po’.

 

Quando arriviamo, sono allestiti gli stand per la distribuzione dele magliette con la scritta “Bicipolitana”, un neologismo inventato dal presidente della Provincia Matteo Ricci. Non mancano le bottigliette d’acqua e le merendine. Una ventina le persone presenti, comprese due rappresentanti della Polizia Municipale che ci scorteranno; sono in bicicletta. Ne approfitto per chiedere all’assessore Pascucci di utilizzarle lungo le piste ciclabili, soprattutto quella dela mare, fino a Fosso Sejore, dove regna la legge della giungla.

 

Si uniscono altri ciclisti, arrivano anche l’assessore Parasecoli e il sindaco Ceriscioli, vero sportivo, alle prese con la non facile operazione di aiutare le tre società sportive pesaresi di calcio, basket e volley, tutte in difficoltà.

 

Fa freddo, il vento è forte e l’assessore Biancani, che giunge accompagnato da un discreto gruppo di partecipanti, decide che è meglio cambiare percorso. Non si va a Fosso Sejore, ma al porto, e da lì lungo Via Canale e Viale della Liberazione, facendo il giro attorno all’ospedale, si raggiungono prima Piazza Lazzarini, quindi Piazza del Popolo e – pedalando in Via Rossini e Viale della Repubblica – si ritorna alla Palla, dove attende il presidente Ricci. Il freddo è più intenso. Biancani ringrazia i partecipanti, soprattutto chi ha consentito un regolare svolgimento dell’iniziativa, dalla Polizia Municipale alla Protezione Civile alla Croce Rossa, che ha partecipato con due soccorritori in bicicletta. Un grazie anche a Uisp, Legambiente, Avis, Verderame, Creabilandia

Sponsor della manifestazione: Giunti Professional Bike e Ipercoop. La manifestazione, che ha avuto il patrocinio della Provincia di Pesaro e Urbino, è stata realizzata all’interno del progetto europeo “Cyclo”.

 

Quindi foto di gruppo davanti al simbolo della città e tutti a casa, anche perché inizia a piovere con notevole intensità. Doccia calda e subito al computer per raccontarvi la mattinata. E’ già arrivato il messaggio di Mobilità Sostenibile Pesaro: “Nonostante le condizioni atmosferiche non favorevoli è stata una bella iniziativa, grazie a tutti coloro che hanno partecipato sfidando il meteo!”.

 

Grazie a voi per avere organizzato la bella iniziativa. Lo sport vero è quello praticato.

 

 

 

 LE FOTO:

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>