“Riforma del lavoro e articolo 18: pensiamo alle nuove generazioni”

di 

23 maggio 2012

di Mario Alberto Rinaldi*

FANO – Ancora in questi giorni è dominante il confronto tra partiti, governo nazionale e sindacati. Ma in questo periodo di instabilità politica ancora una volta sono le nuove generazioni a rimetterci.

Mario Alberto Rinaldi

Mario Alberto Rinaldi

Nella mattinata di ieri sono stato invitato anche dai rappresentanti del Liceo Scientifico Torelli di Fano, come rappresentante del centrodestra locale, a trattare appunto questi difficili argomenti.

Se agevolate, le aziende, non avrebbero nessuna paura di assumere del nuovo personale, l’art. 18 è un freno alla crescita del nostro paese. Ovviamente non tutte le problematiche si risolverebbero con l’abolizione o la modifica di questo articolo.”

Per non parlare del cuneo fiscale troppo alto che abbiamo nel nostro paese, basta pensare che a un imprenditore, un singolo lavoratore, costa più del doppio dello stipendio che gli sarà attribuito.

Altro punto fondamentale, è quello dell’occupazione giovanile. Non bisogna più permettere alle aziende, di sfruttare i ragazzi con i contratti da apprendistato o da stagista solo per pagare meno tasse e contributi, e l’unico modo è farlo attraverso le agevolazioni verso le aziende che creano occupazione, e che costruiscano insieme ai giovani, un percorso ben preciso per la crescita aziendale.

Inoltre non si può non fare un richiamo ai sindacati, che dovrebbero smettere di fare demagogia su un articolo che ormai è diventato soltanto un simbolo da difendere a tutti i costi senza se e senza ma; perché non si aprono a noi giovani, perché difendono solo chi il lavoro ce lo ha già e non pensano a chi si affaccia al mondo del lavoro, contribuendo invece attivamente all’ipoteca del nostro futuro percependo soldi pubblici, costando all’incirca allo stato 151 milioni di euro, senza nemmeno l’obbligo di presentare bilanci e guarda un po’, senza dover sottostare all’articolo 18 dello statuto dei lavoratori che tanto sbandierano.

* Giovane Italia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>