White si racconta a Pu24. E ai botteghini è ressa

di 

23 maggio 2012

PESARO – La Scavolini Siviglia informa che, vista l’affluenza ai botteghini registrata oggi, ha deciso di anticipare alle ore 16,30, anziché alle previste 17,30, l’apertura di domani giovedì. Dunque avevamo visto giusto ipotizzando che le ore a disposizione non fossero adeguate.

E James White, intervistato prima dell’allenamento odierno, ha sottolineato l’importanza del sostegno del pubblico.

Lunga fila ai botteghini dell'Adriatic Arena per gara 4

“Sarà importante avere il massimo supporto da parte dei nostri tifosi. Questa è una delle chiavi delle partite casalinghe”.

I biancorossi l’hanno guadagnato giocando la più bella partita della stagione.
“Sì, è vero – conferma “The Flight” – abbiamo fatto un ottimo lavoro, ma non saprei dire se è stata la migliore; una delle migliori, questo sì. Abbiamo impedito a Cantù di andare via quando centravano ogni tiro, ed evitato che prendessero vantaggi determinanti. Siamo rientrati lavorando bene in difesa”.

E la sua prova è stata la migliore a Pesaro?
“Non credo sia stata la migliore prestazione. Forse al tiro”.

Siete alla quarta partita in 144 ore. Peserà il fattore stanchezza?
“No, perché sono stanche entrambe le squadre. Questo è il nostro lavoro e ci alleniamo tutto l’anno, giocando tantissime gare, per arrivare a disputare queste partite. Siamo pronti a giocare”.

In gara 3, avete segnato 50 punti in due quarti, 3 in più di tutta gara 3 a Cantù. Coach Trinchieri ha detto che così si gioca un All Star Game, non un playoff.
“Intanto, abbiamo giocato in casa, nel nostro campo, dove è più facile segnare. E’ più facile tirare meglio per la squadra che gioca in casa, ma è anche vero che siamo riusciti a proporre la nostra pallacanestro, realizzando quei canestri che sbagliavamo a Cantù.

Siete stati bravissimi in difesa nel secondo tempo, concedendo loro solo 30 punti.
“Abbiamo difeso a zona match-up, creando più problemi ai loro giochi offensivi, mettendo più in difficoltà i loro tiratori”.

White si è congratulato con Sassari, la sua ex squadra già in semifinale. Ovvio voglia raggiungerla fra le migliori quattro del basket italiano.
“Sì, è vero, ho scritto ai miei ex compagni per felicitarmi con loro, ma io voglio fare meglio, voglio vincere lo scudetto!”.

Intanto deve fare i conti con Cantù, che si è allenata prima della Scavolini Siviglia e potrà contare su Marty Leunen; l’infortunio dell’americano non è grave.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>