Scelto “Pin.ov” come nome del simbolo del Paese dei Balocchi

di 

24 maggio 2012

 

FANO – E’ stato scelto per il suo richiamo alla comunicazione contemporanea, fatta di Internet ed e-mail, e per essere composto da due parole una delle quali modificabili, di volta in volta. “Pin.ov” è da oggi il nome del logo dell’associazione “Il Paese dei Balocchi” organizzatrice dell’omonimo evento in programma da giovedì 16 a domenica 19 agosto 2012, in piazza Bambini del Mondo di Bellocchi.

Paese dei Balocchi, i bambini

A idearlo è stato Tobia Ferrero, della 5 B della scuola primaria “Fabio Tombari” di Bellocchi.

A giudicare le numerose idee pervenute dai 280 bambini dell’istituto, protagonisti del concorso “Dammi un nome” è stata una giuria di professionisti, presieduta da Lella Mazzoli (direttore del Dipartimento di Scienze della comunicazione dell’Università di Urbino “Carlo Bo”, dove insegna Sociologia della comunicazione. È direttore dell’Istituto per la Formazione al Giornalismo dell’Università di Urbino), da Stefania Antonioni e Roberta Bartoletti, dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, Frediana Benni, dirigente della direzione didattica di Fano-S. Orso, il dottor Odino Zacchilli e il presidente de “Il Paese dei Balocchi” Michele Brocchini.

La giuria, insieme a un “Pin.ov” in carne e ossa, si è riunita questa mattina, giovedì 24 maggio, alle ore 11, nella palestra della scuola per premiare i primi tre classificati al concorso aperto a classi, coppie e singoli.

A ricevere una “menzione speciale” e il relativo attestato sono stati anche Giada, Manuel, Antonio e Christine della III B ideatori del nome “Carot” e Massimo, Nicolò, Realdo della I A con il loro “Lovetto”.

Un momento dell'appuntamento

“Sono tutti bambini attenti, creativi e affettuosi –ha detto Mazzoli-. Per noi è stato un lavoro faticoso perché le idee che ci hanno consegnato erano tutte valide. Ho ricevuto un’impressione positiva da questa iniziativa che mi fa ben sperare per il futuro della società”.

Sulla scelta la docente ha aggiunto: “Abbiamo premiato ‘Pin.ov’ per la costruzione del nome. Il punto in mezzo tra Pin (pinocchio) e ov (ovetto) ci ha fatto pensare a internet all’era della comunicazione più moderna. Separare le due parole ci è sembrato curioso. Leggere insieme le due parole consente di dare una giusta connotazione al ‘pupazzo’ simbolo dell’associazione”.

“E’ stato bello entrare nello spirito della IX edizione del ‘Paese dei Balocchi’ –ha aggiunto Michele Brocchini– in questo modo. Abbiamo legato il tema 2012 dell’evento, la ‘Creatività’, con un concorso per bambini. L’obiettivo è stato dare per la prima volta un nome all’uovo con il becco arancione, dare sfogo alla creatività dei più piccoli e trasformarla in un simbolo della nostra manifestazione”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>