Un capriolo protagonista al Furlo insieme a 300 studenti, premiati i vincitori del progetto “A scuola nella Riserva”

di 

24 maggio 2012

ACQUALAGNA – Un capriolo di circa un mese, recuperato a Borgo Massano dagli operatori del Cras (Centro recupero animali selvatici) della Provincia, è stato il protagonista, insieme a 300 allievi delle scuole del territorio provinciale, della cerimonia al Furlo di Acqualagna a conclusione del progetto didattico 2011 – 2012 “A scuola nella Riserva”. Un progetto che, promosso dalla Riserva stessa (gestita dalla Provincia di Pesaro e Urbino) in collaborazione con il Centro didattico di educazione ambientale “Casa Archilei” di Fano, ha visto 18 classi delle primarie e secondarie di primo grado partecipare a tre percorsi teorico – pratici a contatto con la Riserva ed il suo ambiente naturale: “Detective della natura” (percorso naturalistico), “Ritrarre la natura” (percorso artistico) e “Lupetto Furletto e l’amico capriolo” (percorso zoologico, con fiaba finale).

Ricci con allievi al Furlo

“Questo è uno dei luoghi felici del territorio provinciale – ha detto ai giovani il presidente della Provincia Matteo Ricci – e vogliamo tutelarlo sempre più dal punto di vista ambientale, per farlo conoscere ad un maggior numero di persone. Ringrazio gli insegnanti che hanno colto questa opportunità e mi auguro che l’iniziativa faccia crescere il Furlo e la vostra educazione ambientale”. La presenza del capriolo, come evidenziato dagli operatori del Cras, ha avuto lo scopo di sensibilizzare gli allievi sulle abitudini di questo animale e soprattutto sull’importanza di non toccare mai i cuccioli trovati nei campi, perché altrimenti non vengono più riconosciuti dalle madri, che li abbandonano. E’ quanto probabilmente accaduto al capriolo in questione, che verrà ora allevato all’interno del Centro recupero animali selvatici e poi reinserito in un ambiente naturale idoneo.

Proprio il capriolo, insieme al lupo, sono stati al centro della fiaba “Lupetto Furletto e l’amico capriolo” scritta da Giovanna Renzini e conclusa dagli allievi. Le classi vincitrici sono state premiate da Matteo Ricci e dal dirigente della Riserva del Furlo – Aree protette Maurizio Bartoli: si tratta della IV della scuola primaria “Monsignor Palazzini” di Piobbico (allievi Gabriele Dominici e Gianluca Corsi) e di due classi della “Padalino” di Fano, la I D per il testo (Giorgia Baldascino, Niccolò Riggioni e Samuele Ciacci) e la I A per i disegni. A tutti è stata donata la pubblicazione “E’ nato un aquilotto”, illustrata da Marco Ferretti, relativa al progetto dello scorso anno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>