In Brianza con il sorriso, Pesaro si ferma sabato sera

di 

25 maggio 2012

PESARO – Sono partiti dopo l’allenamento pomeridiano, diretti in Brianza, dove domani li attende – questa volta è davvero così – una partita senza ritorno. Non ci saranno più esami di riparazione, chi vince va avanti, chi perde chiude la stagione 2011/12. E se per Cantù è una routine, viste le recenti stagioni e gli esami disputati, per la Scavolini Siviglia è una vera e propria tesi di laurea.

Scavolini Siviglia partenza per Cantù

Conforta che i biancorossi siano saliti sul pullman che li attendeva al solito poso, all’angolo tra Viale Trento e Via Monfalcone, con il sorriso sulle labbra. Battute tra compagni, qualche risata, un’atmosfera serena. Poi magari arriveranno anche le farfalle nello stomaco e la tensione si farà sentire avvicinandosi le 20,30 di sabato e il palasport “Pianella”. Intanto, però, è stato bello vedere la partenza di una squadra che ci crede, oh se ci crede, tanto da – ci risulta – avere inculcato qualche timore anche in chi attende seduto sulla riva del fiume di vedere chi passerà. Sì, anche Milano – dopo avere ammirato il gioco offerto dai pesaresi, sia l’attacco che la difesa – qualche dubbio se lo è posto. Meglio Pesaro o Cantù? La sensazione – sfogliando la margherita milanese – è che il petalo rimasto abbia colore bianco e rosso.

A Cucciago, la Scavolini Siviglia sarà seguita da un cospicuo gruppo di tifosi, soprattutto quelli che – a dispetto di un irriverente “fuori i co…” lanciato sia in gara 1 che in gara 2 – ci ha creduto di più. Chi non potrà andare in Lombardia seguirà gara 5 in diretta televisiva su Rai Sport 1 che trasmetterà anche la diretta di gara 1 di semifinale tra Siena e Sassari (lunedì 28 maggio, ore 20,30). Ovviamente, diretta anche sulle frequenze di Radio Città, LatteMiele e (flash) Radio Arancia, mentre TVRS trasmetterà la differita domenica, alle ore 18, sul canale 111 del digitale terrestre.

La sensazione della vigilia è che sabato sera Pesaro si fermerà, come negli anni d’oro.

La Victoria Libertas manca dalle “final four” del campionato dalla stagione 2003/04, quando fu sconfitta da Siena con un secco 3-0. Quarta nella stagione regolare, la squadra allenata da Phil Melillo, finalista in Coppa Italia (battuta da Treviso), schierava Scarone, Elliott, Elie, Silvio Gigena, Rannikko, Valentini, Milić, Frosini, Ress, Malaventura e Djordjević, fu quarta anche alla conclusione del torneo.

Ora si prova quanto meno a emulare lo squadrone di allora.

Un commento to “In Brianza con il sorriso, Pesaro si ferma sabato sera”

  1. PISOFZ scrive:

    NON VORREI DIRE…MA VI SIETE DIMENTICATI IL GIOCATORE PIU’ IMPORTANTE DI QUELL’ANNO…SPERO APPOSITAMENTE!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>