Trinchieri: “Gara 5 non è un dramma, giochiamo in casa”

di 

25 maggio 2012

 

PESARO – Una cosa è certa, con coach Trinchieri non ci si annoia e i giornalisti hanno buon materiale per i titoli. Basti pensare alla “tessera da stracciare per l’infortunio di Leunen”, a Micov “infortunato a un ginocchio e non alla testa”, a “Pesaro senza sole per tre giorni”, ai “missili terra aria di Jumaine Jones”.

Coach Trinchieri

Oggi, però, il coach milanese di Cantù, il solo milanese amato dai canturini che stanno organizzando da giorni le partite casalinghe di semifinale nel palasport di Desio, abbandona i titoli forti e racconta con grande pragmatismo cosa attende la Bennet.

“Quando avevo parlato di serie lunga – ha raccontato Trinchieri al sito della sua società – mi ero basato su dei dati oggettivi. Il computo totale delle sfide tra Scavolini Siviglia e Bennet è 4 a 3 per cui credo fosse possibile e plausibile che si arrivasse a gara 5. E’ sicuramente il quarto di finale con le due squadre con i valori più vicini e la quinta partita è il risultato di un grande equilibrio. La cosa che noi speriamo faccia la differenza è che si giocherà a Cantù. Abbiamo fatto fatica per rimanere nei primi posti in classifica nella stagione regolare e adesso vogliamo che questo sia un fattore. E’ certamente poco produttivo analizzare i due match di Pesaro. Ci possono dare ovviamente un indirizzo su quello che dobbiamo migliorare però sarà una partita diversa, perché vogliamo che lo sia e faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità per raggiungere questo obiettivo. Cerco sempre di mettermi nello stato emotivo di un mio giocatore o di chi viene al palazzetto per cercare di aprirmi la mente e capire di più. Mi sembra che disputare gara 5 non sia un dramma e questo deve essere molto chiaro. Sarà una sfida contro una buona squadra che ci ha battuto e che abbiamo battuto, ma sarà anche una partita che giocheremo davanti al nostro pubblico”.

Arbitrano Fabio Facchini, Paolo Taurino e Luca Weidmann. Il migliore arbitro italiano e due eccellenti colleghi: una garanzia. Ma finora – è doveroso scriverlo – gli arbitraggi sono stati tutti molto positivi, non influendo nel risultato finale. Anche questo è un bel giocare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>