L’under 21 del PesaroFano vede il tricolore

di 

28 maggio 2012

ITALSERVICE PESAROFANO – ASTI 6-4 d.t.s. (p.t. 2-1, s.t. 5-4)
ITALSERVICE PESAROFANO: Dionisi, Pinguim, Fabbroni, Marino, Fraccaro, Pizetta, Bacaloni, Eusepi, Perez, Bracci, Cesaroni, Barbera. All. Marques
ASTI: Casalone, Fazio, Mignogna, Licco, Celentano, Ottaviano, Cannella, De Oliveira, Rosso, Modica, Ortalda, Casassa. All. Iglina-Patanè
ARBITRI: Dario Fiorentino (Barletta) e Jacopo Stragapede (Roma 1), crono Lorenzo Cursi (Jesi)
MARCATORI: 0’55” Celentano (A), 10’59” Bacaloni (PF), 12’42” Cesaroni (PF) del p.t.; 2’48” Pinguim (PF), 4’02” Pinguim (PF), 4’54” Perez (PF), 9’40” De Oliveira (A), 11’44” (A) De Oliveira, 18’32” De Oliveira (A) del s.t.; 1’41” Bacaloni (PF) del s.t.s. Ammonito Modica
AMMONITI: Modica (A)
NOTE: spettatori 350 circa

 

I calciatori a 5 del PesaroFano si danno la carica in cerchio

I calciatori a 5 del PesaroFano si danno la carica in cerchio

FANO – Italservice PesaroFano ebbro di gioia: è finale scudetto. L’under 21 biancorosso-granata accede all’ultimo doppio atto del campionato nazionale di categoria battendo l’Asti calcio a 5 al termine di un match tiratissimo.

A Fano, in un circolo tennis Trave stracolmo di persone, l’Italservice è stato colpito a freddo ma non ha perso la calma. Così è arrivata la rimonta, che ha permesso di entrare nell’ultimo spicchio di partita con un vantaggio considerevole. Ma nel calcio a 5 mai dire mai, e i piemontesi sono tornati sotto mandando tutti ai supplementari. A far scoppiare di gioia gli spettatori marchigiani accorsi in un pomeriggio domenicale simil-estivo ci ha pensato Rudy Bacaloni con la rete del 6-4 che, calcolando l’1-2 dell’andata, qualifica il PesaroFano.

Tra l’Italservice under 21 e la conquista del tricolore “solo” Scafati, compagine salernitana che arriverà nelle Marche domenica prossima. Ritorno fissato il 10 giugno: la squadra campione d’Italia verrà incoronata in Campania.

Eppure il match che porta il PesaroFano a un passo dalla storia del calcetto italiano non era iniziato nel migliore dei modi. Nemmeno un giro di lancette che l’Asti, con tanto di tifosi al seguito, passa in vantaggio grazie a Celentano, che torna a disposizione dopo aver saltato l’andata per squalifica. I ragazzini di Marques non si perdono d’animo e poco dopo la metà del primo tempo prima impattano con Bacaloni e poi passano con Cesaroni. Il bonus dei falli ormai è esaurito, ma i locali stanno attenti a non commettere una sesta penalità che manderebbe gli avversari sul dischetto del tiro libero.

Si va così al riposo sul 2-1 interno, un risultato che costringerebbe le due squadre ai supplementari. Un’eventualità che sembra allontanarsi a inizio ripresa, col PesaroFano che rientra in campo scatenato. In nemmeno cinque minuti segnano due volte Pinguim e una Perez: il tabellone indica un 5-1 che fa impazzire di gioia tutto l’ambiente Italservice.

Ma l’Aosta è un osso duro e lo dimostra di lì a poco. Il duo di mister piemontesi Iglina-Patanè sceglie di giocarsi il tutto per tutto col portiere di movimento. Una decisione azzeccata, se è vero che il PesaroFano viene sorpreso dalla manovra avvolgente di avversari che palleggiano con l’uomo in più. De Oliveira segna per due volte riaprendo i giochi. Pinguim ha due palle per ricacciare gli avversari a distanza di sicurezza ma non vi riesce. E così, dopo proteste ospiti per un presunto gol-non gol su cui Barbera è comunque prodigioso nel riflesso, arriva il quarto punto astigiano. A siglarlo ancora De Oliveira, che costringe tutti all’appendice dei supplementari.

L'esultanza dell'under 21 dell'Italservice PesaroFano

L'esultanza dell'under 21 dell'Italservice PesaroFano

Nei primi 5 minuti di extratime succede poco. Nel secondo tempo supplementare la rete di Bacaloni che fa impazzire di gioia dirigenti, tifosi e simpatizzanti del PesaroFano. Il marchigiano appoggia in rete su invito di Perez, quando anche Marques aveva deciso di giocarsi il tutto per tutto col portiere di movimento.

Ultimi istanti palpitanti, anche perché il tabellone rimane inchiodato e il tempo è tenuto al tavolo dal cronometrista. Al triplice fischio tripudio biancorosso-granata. E’ finale scudetto… un risultato eccezionale. Ulteriori info su www.pesarofano.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>