Orientagiovani: confindustria Pesaro Urbino premia gli studenti che hanno lavorato sull’idea di laboratorio

di 

30 maggio 2012

PESARO – L’edizione 2011-2012 di Orientagiovani, il progetto di Confindustria Pesaro Urbino dedicato all’integrazione tra il sistema produttivo provinciale e il mondo del lavoro, si è chiuso con un nuovo record di partecipanti: 1500 studenti e oltre 10 scuole ed altrettante aziende del sistema confederale coinvolti insieme all’università di Urbino. L’iniziativa si è conclusa questa mattina a Palazzo Montani Antaldi con la cerimonia di premiazione, alla quale hanno partecipato 225 studenti provenienti sia dalle scuole secondarie di primo e secondo grado che dall’università. Si sono confrontati e hanno lavorato sul tema del “laboratorio”, inteso come “luogo del fare”.

Confindustria OrientaGiovani

Sono state le aziende del territorio a formulare specifiche richieste di intervento su argomenti di loro interesse: le richieste sono state presentate alle scuole che hanno aderito a seconda delle competenze e delle tematiche e hanno iniziato a lavorare sui progetti a gennaio per terminare intorno alla fine di aprile.

Vincitrice per le scuole secondarie di primo grado è stato la scuola media “Pascoli” di Tavullia.

Per le scuole secondarie di secondo grado a pari merito si sono classificate la Classe 5 TIEN dell’Istituto Volta di Fano e la classe 4A Michelangelo dell’Istituto Apolloni di Fano, che hanno affrontato il tema della sostenibilità ambientale, economica, sociale e culturale proposta da GreenerG srl.

Per quanto riguarda l’Università, il primo premio per la metodologia adottata e la cura nella presentazione del progetto è stato assegnato al gruppo guidato dal prof. Pagano e dalla prof.ssa Bocconcelli sul tema “Analisi di Mercato” proposta da Nuova TCM e svolto da Milena Casciaroli, Federico Genga, Javier Guenzi, Francesco Gurini, Cecilia Manenti. Un premio speciale per l’analisi effettuata e l’originalità delle soluzioni prospettate invece è stato consegnato al gruppo guidato dal prof.  Marco Cioppi sul tema della ristrutturazione del proprio sito web proposto da Fab srl e svolto da Ludovica di Francesco, Stefano Falcioni, Francesco Mauriello, Giulio Rapisarda, Davide Gennari.

Elisa Giorgi del gruppo Giovani Industriali, che ha seguito tutto il progetto, ha sottolineato con soddisfazione che “anche quest’anno Orientagiovani si riconferma una bellissima esperienza di condivisione, formazione e arricchimento reciproco tra noi giovani imprenditori e i ragazzi delle scuole e dell’università”.

Per Susanna Testa dell’Ufficio Scolastico regionale “gli studenti hanno proposto soluzioni originali ai problemi posti dalle aziende mettendo insieme, nell’ambito della dimensione laboratoriale, saperi e saper fare. Alcuni elaborati, in particolare, hanno indicato un grado elevato di approfondimento e ipotesi di lavoro sviluppate in modo innovativo e creativo”.

“Un plauso per l’iniziativa che ha permesso ai nostri giovani di coniugare il pensiero formativo con l’esperienza sul campo – ha concluso Massimo Seri, assessore alla formazione della provincia di Pesaro Urbino -. Simili esperienze sono fondamentali perché aiutano a far comprendere ai ragazzi le realtà del mondo produttivo”

Le aziende che hanno assicurato la loro collaborazione al progetto sono state: TVS Spa di Fermignano, Della Rovere Spa di Pesaro, M.D. International srl di Fermignano, Dago Elettronica srl di Fano, Lam Italia srl di Fano, GreenenerG srl di Pesaro, Berloni Bagno srl di Urbino, Fab Group di Urbino, Nuova TCM di Gradara, Techfem srl di Fano, Cartex Italia srl di Fermignano, Arvex Italian Style Srl di Mondolfo, Ifi Spa di Tavullia, M.D. International Srl di Fermignano, Mab Spa Industrie Chimiche di Colbordolo, Studio Miro’ Sas di Pesaro, Townet Srl di Cagli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>