Cecchi (Udc): “Avviare la ciclabile Fano-Urbino”

di 

1 giugno 2012

FANO – Il vice segretario provinciale e il segretario comunale dell’Udc, Davide Delvecchio e Pierino Cecchi, intervengono sul tema, sempre attuale, della mobilità sostenibile.

«C’è la necessità – affermano i due esponenti dell’Udc – di avviare la ciclabile sulla tratta ferroviaria di competenza comunale che parte da Fano e attraversa le zone di San Lazzaro, Vallato, S. Orso, Quartiere Flaminio, Rosciano, Cuccurano, Carrara e Ponte Murello. Il progetto di fattibilità, presentato dalla provincia di Pesaro-Urbino al Comune di Fano, è attuabile e, non appena si potrà convenzionare la tratta, c’è la reale possibilità di collegare tutte le nostre zone periferiche con la città.»

bicicletta

Nei mesi scorsi l’Udc era già intervenuto su questo tema, dopo che, con il decreto 430 del 15 dicembre 2011, ratificato il 3 gennaio scorso e firmato dal ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera, era stata comunicata “la dismissione della linea ferroviaria Fano-Urbino”.

«Il progetto di pista ciclabile Fano–Ponte Murello oltre ad essere qualificante per il nostro territorio è fondamentale per la sicurezza di ciclisti, pedoni e bambini che oggi transitano nella Statale Flaminia. La Provincia progetterebbe e realizzerebbe l’opera, mentre il Comune di Fano dovrebbe occuparsi dell’acquisto del materiale per la realizzazione, rendendo, pertanto, la ciclabile un progetto fattibile, anche prevedendo la sinergia tra pubblico e privato. Si tratterebbe di un primo tratto, che si potrebbe allungare fino a Fossombrone e che quindi fungerebbe da trampolino di lancio per lo sviluppo di una nuova mobilità e del turismo locale.»

Proprio in questa direzione l’Udc Fano si era mosso, facendosi promotore di una mozione presentata in Consiglio comunale, firmata dalla maggioranza, discussa e approvata lo scorso 23 gennaio, per ripristinare la pista ciclabile Fano-Urbino.

«Su questo tema l’Udc Fano continuerà a impegnarsi con forza – hanno concluso gli esponenti centristi – perché non solo a livello locale, ma anche provinciale, con la ciclabile cambierà positivamente l’approccio alla mobilità quotidiana e agli spostamenti per tante persone ed essa porterà sicuramente benefici alla viabilità e al futuro sviluppo turistico, con possibili escursioni e percorsi del gusto nella nostra provincia».

 


Un commento to “Cecchi (Udc): “Avviare la ciclabile Fano-Urbino””

  1. Danrio Pantonieri scrive:

    Basta che il Comune di Fano si comporti in maniera diversa rispetto alla Pesaro- Fano, in particolare negli ultimi 300mt, nei pressi del Torrente Arzilla: segnaletica orizzontale fatiscente, macchine parcheggiate, paletti dissuasori senza cartelli di preavviso , plastica sulla scarpata a ridosso della ferrovia……

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>