Di Domenico: “Affidiamo porzioni di terreno pubblico ai cittadini di Pesaro”

di 

2 giugno 2012

PESARO –  Dal consigliere Pdl Alessandro Di Domenico riceviamo una mozione di indirizzo per affidare porzioni di terreno pubblico, non in uso, da mantenere in uno stato di decoro adeguato, a cittadini residenti a Pesaro. Un’idea che, secondo il presidente della Commissione Bilancio e Patrimonio, potrebbe rappresentare una bella soluzione sia per il Comune che per i cittadini interessati

Ecco il testo della mozione:

premesso che:

Nel Comune di Pesaro ci sono porzioni di terreno pubblici in stato di abbandono, non in uso, non mantenuti e spesso marginali o nascosti;

Queste porzioni di terreno dovrebbero essere gestite dall’amministrazione comunale come qualunque area verde pubblica,

constatato che:

Molti cittadini Pesaresi hanno trasformato molte di queste porzioni di terre in orti o giardini creando decoro e fruibilità di aree altrimenti inagibili;

L’amministrazione Comunale ha oggettive difficoltà a gestire tutte le aree verdi pubbliche della città

Preso atto che:

Il comune di Pesaro può offrire l’affidamento di questi terreni regolarizzando anche le situazioni non ben definite;

Il Comune ha già un gruppo di volontariato che opera nella città, così come in molte circoscrizioni;

Il Comune di Pesaro sta predisponendo un elenco di volontari per la manutenzione del verde e dei plessi scolastici comunali,

con la presente, il Consiglio Comunale impegna il Sindaco, l’Assessore Competente e gli Uffici preposti a:

1 – valutare l’opportunità di affidare porzioni di terreno pubblico, non in uso, da mantenere in uno stato di decoro adeguato, a cittadini residenti a Pesaro;

2 – proporre agli interessati di ricambiare l’affidamento di tali porzioni di terreno con la disponibilità di offrire, liberamente, il proprio tempo per attività di volontariato da effettuarsi nella città di Pesaro;

3 – proporre ai cittadini che aderiscano a questa iniziativa, di iscriversi in un elenco di volontari, indispensabile per poter ricevere una copertura assicurativa, che copra soprattutto i rischi di infortunio, durante l’attività di volontariato;

4 – predisporre un protocollo d’intesa con ASUR, Ispettorato del lavoro ed INAIL , affinché i volontari non siano inquadrati, in caso di infortunio, a nessuna tipologia lavorativa subordinata o parasubordinata che implichi responsabilità all’Ente Pubblico;

5 – predisporre una liberatoria da sottoporre ai volontari per non scaricare responsabilità civili o penali, in caso di infortunio, all’Ente Pubblico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>