“Favolosi mondi”, al via a Fano un corso di italiano ludico per i bambini stranieri e le loro famiglie

di 

12 giugno 2012

FANO – Insegnare la lingua italiana ai bambini stranieri e alle loro famiglie attraverso la didattica della favola: è l’obiettivo di “Favolosi mondi”, un progetto ideato e realizzato dall’associazione culturale “C’era una nota”, con la collaborazione della Provincia di Pesaro e Urbino (assessorato Politiche culturali), rivolto a bambini in età scolare e genitori di tutte le nazionalità. Il “Corso di italiano ludico per stranieri”, completamente gratuito, prenderà il via giovedì 14 giugno a Fano (Casa Cecchi, via della Paleotta 11), dalle ore 16.30 alle 18 e proseguirà ogni giovedì fino al 31 luglio (si consiglia prescrizione telefonando al 348.4205685 o inviando una mail a: ceraunanota@gmail.com).
Come spiega il responsabile del progetto Ciro Saltarelli, il metodo messo in campo dall’associazione “C’era una volta”, che si occupa da anni di promozione della musica e della letteratura per l’infanzia, “consentirà ai partecipanti di imparare a giocare con la lingua italiana ed i suoi suoni, ascoltando musiche di terre lontane e costruendo ponti di parole tra le diverse tradizioni letterarie del nostro paese”.
“L’approccio messo in campo, ludico e fiabesco al tempo stesso – evidenzia l’assessore provinciale alle Politiche culturali Davide Rossi – permetterà di oltrepassare gli schematismi tipici della didattica tradizionale, sviluppando un itinerario nei suoni e nella lingua italiana attraverso un approccio interculturale. Le fiabe, raccontate dagli stessi partecipanti, consentiranno di spaziare nell’immaginario delle tante culture presenti sul territorio anche mediante l’ausilio musicale”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>