Export primo trimestre 2012: più 1,6% di fatturati

di 

13 giugno 2012

PESARO – In un panorama generale che vede l’export nazionale in crescita del 5,5% e le Marche posizionarsi con un incremento del 6,2%, sopra la media nazionale anche se coi dovuti distinguo, i primi dati trimestrali 2012 del nostro export vedono sostanzialmente stabile la provincia di Pesaro e Urbino, con un totale di 446,8 milioni, 1,6% in più dello stesso trimestre del 2011 (439,6 milioni di euro).

Tra i settori più dinamici che caratterizzano questo primo trimestre del Pesarese – anche se in valore assoluto non ne costituiscono le quote principali – i prodotti alimentari, bevande e tabacco con un incremento del 30,3% ed una quota non banale dell’export della nostra provincia che passa da 12 a 15,7 milioni, e i prodotti tessili che crescono da 10,6 a 14,3 milioni di euro con un +35,6%. Anche legno e prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili) cresce da 8,8 a 10,7 milioni con un +21,3% .

L’export del settore mobile cresce da 69,8 a 72 milioni (+3,3%) più della meccanica, rispetto al primo trimestre del 2011, con l’incremento più elevato verso il mercato russo, che passa da 13 a 16 milioni di euro (+23%) e francese da 9 a 10 milioni (+9,6%). Tra i mercati con un segno positivo di tendenza alla crescita, sebbene con valori assoluti tuttora poco rilevanti intorno ai due milioni e mezzo di euro ricompaiono Libia (+47%) e Stati Uniti con un +28%. Arabia Saudita, Algeria, Marocco, Polonia, Repubblica Ceca, Kazakistan, Giappone registrano tutti fra 30 e 50% di incremento rispetto ai valori dell’anno precedente. Forte calo di Grecia (-50,7%), mentre l’Ucraina rimane tra i primi 10 mercati di sbocco del nostro settore arredamento, pur segnando un calo del 14%, quota di mercato sulle quali si stanno muovendo con successo altre realtà produttive italiane.

L’export del settore meccanica rimane sostanzialmente stazionario (- 1,5%) con Germania (da 23,6 a 28,7 milioni , +21,2%), Francia (da 25,9 a 27,7 milioni con un +6,7%), Stati Uniti (+13,7% da 16,6 a 18,8 milioni di euro esportati nel primo trimestre 2012). Segnali robusti per la nostra meccanica nel mercato russo (+46,8% da 8,5 a 12,5 milioni) e Svizzera da 6,7 a 10 milioni (+48,8). Slovenia, Brasile, Romania a segno positivo con tendenza che supera il 20% rispetto al trimestre dell’anno precedente, forte il calo della Spagna, e segno negativo per ora anche per il nostro export verso Polonia e Turchia.

Meno dinamico il settore dell’abbigliamento che prosegue in un trend negativo da 35,3 a 29,8 milioni -15,6%.

 

L’INCREMENTO REGIONALE

Questo sostanzioso incremento del livello regionale vede la voce delle calzature protagonista e, tra le provincie che hanno contribuito maggiormente alla crescita, Fermo con un +12,7 % e Macerata con un +8%. Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi: da 11,9 a 10 milioni (-15,9%)
Metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti da 115 a 120: +4,4%
Computer, apparecchi elettronici e ottici da 1,2 a 5,5: incremento del 354,6%
Apparecchi elettrici da 17.175.109 a 16.665.891: -3,0%
Macchinari ed apparecchi n.c.a. da 108.7 a 94.6: -12,9%

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>