Scavolini cede le quote: 26 anni dopo finisce un’era

di 

13 giugno 2012

PESARO – In casa Vuelle, oggi, mercoledì 13 giugno, è un giorno importante. Non solo dal punto di vista burocratico. Nello studio del notaio Licini viene registrato il passaggio delle quote di Valter Scavolini e Sauro Bianchetti al Consorzio Pesaro Basket.

Valter Scavolini, Franco Del Moro e Sauro Bianchetti

Scavolini Siviglia, cosa succederà ora?

Pensando a quello che sta per accadere, la memoria torna indietro nel tempo, a quel che accadde nell’ormai lontano giugno 1986. Chi scrive ed Elio Giuliani, oggi direttore di Radio Città ma anche responsabile delle relazioni esterne e addetto stampa della Victoria Libertas, si appostarono davanti allo studio del notaio Ferriiiii, in Via Almerici che ospitò il passaggio delle quote di Eligio Palazzetti a Elvino e Valter Scavolini.

Ventisei anni dopo, oggi, alle ore 18,30, nello studio del notaio Cesare Licini, in Via Guidi, la famiglia Scavolini cede le quote e non è più proprietaria della Victoria Libertas, anche se entra a fare parte del Consorzio Pesaro Basket.

In ventisei anni, la Scavolini ha vinto due scudetti, una Coppa Italia, disputato decine di finali, vinto meno di quanto avrebbe meritato. Conoscete tutti, anche nei minimi dettagli, i fattori esterni che hanno impedito alla Vuelle dei fratelli Scavolini di avere una sala trofei più ricca… Ah, quei trofei che sembravano persi con la cessione del gioiello della città a Enzo Amadio.

Oggi è un altro giorno, ma – lo scriviamo convinti, della stessa convinzione che ci portò, allora, davanti allo Studio Ferri – niente sarà più come prima. Era inevitabile. E Pesaro dovrebbe ringraziare la “famiglia”, i due fratelli, Elvino e Valter, che hanno regalato decenni indimenticabili. Una famiglia che, con gli eredi, è ancora lì, anche se solo con la quota del Consorzio. Non è poco, visti i tempi. Anzi, oggi sarebbe giusto ringraziare anche Stefano Vellucci, che ebbe una felice intuizione organizzando il Consorzio Pesaro Basket.

L’esempio di Pesaro è seguito da quasi tutte le realtà del basket italiano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>