“Lavoro e crescita? Internazionalizzare imprese”

di 

17 giugno 2012

ANCONA – La debolezza della domanda interna sta rendendo il canale estero un percorso obbligato e sarà su di esso che si misurerà la capacità di resistenza del sistema produttivo marchigiano. Un banco di prova certamente difficile, ma una fonte che potrebbe garantire grandi opportunità, anche per le piccole e medie imprese che sembrerebbero votate ad uno scenario competitivo locale.

Palmiro Ucchielli

Palmiro Ucchielli

Questo il pensiero comune emerso nel corso dell’iniziativa organizzata dal PD Marche sul tema dell’internazionalizzazione delle imprese, cui hanno preso parte tra gli altri, il segretario regionale del Pd Palmiro Ucchielli, gli assessori regionali Giannini e Luchetti, l’on. Vannucci, il presidente Unioncamere Marche Alberto Drudi.

La ridotta dimensione delle imprese marchigiane è un fatto noto, oltre il 90% delle aziende ha in media 9 addetti. Se da una parte questo rappresenta il punto di forza del “sistema Marche” in grado di guidare la crescita economica della nostra regione, anche grazie alla loro elevata flessibilità produttiva, dall’altra, aziende di dimensione così ridotta incontrano difficoltà rilevanti a reperire le risorse economiche necessarie a finanziare progetti di espansione sui mercati esteri.

Inoltre, l’attività di ricerca, sviluppo e innovazione che spesso accompagnano il processo di internazionalizzazione è in queste piccole realtà limitata dalle ridotte possibilità di accesso al credito. Ecco perché risulta indispensabile oggi più che mai operare attraverso reti d’imprese, non trascurando ovviamente il ruolo che una politica economica nazionale ed europea gioca nel guidare questo processo.

“Non potrà esserci ripresa senza che i consumi ripartano – conclude il segretario regionale del Pd Ucchielli – e quindi serve un intervento fiscale incisivo per alleggerire la pressione fiscale su imprese e famiglie. Il nostro partito continuerà ad incalzare il governo Monti per far sì che ciò accada”.

2 Commenti to ““Lavoro e crescita? Internazionalizzare imprese””

  1. Giordano Renga scrive:

    Parole, tante belle parole che come al solito finiscono nel nulla. Segretario regionale del PD Ucchielli, si è accorto che il suo partito sostiene l’attuale maggioranza? Se veramente volevate far allentare la morsa fiscale che attanaglia famiglie e imprese potevate averlo già fatto, bastava applicare una VERA politica muscolare minacciando di non votare questa o quella riforma. Invece come la solita vecchia politica preferite lanciare slogan fasulli e di ormai poca presa. Non si può che sorridere nel vedere lo slogan “L’ITALIA DI DOMANI” con accanto il simbolo del PD………voi rappresentate L’ITALIA DI IERI e sarebbe gentile da parte vostra se vi facciate da parte assieme a tutti gli altri partiti politici aventi hai vertici persone desuete. Lasciamo lavorare i giovani volenterosi, senza ovviamente, le vostri intralcianti finte idee.

  2. Giordano Renga scrive:

    Parole, tante belle parole che come al solito finiscono nel nulla. Segretario regionale del PD Ucchielli, si è accorto che il suo partito sostiene l’attuale maggioranza? Se veramente volevate far allentare la morsa fiscale che attanaglia famiglie e imprese potevate averlo già fatto, bastava applicare una VERA politica muscolare minacciando di non votare questa o quella riforma. Invece come la solita vecchia politica, preferite lanciare slogan fasulli e di ormai poca presa. Non si può che sorridere nel vedere lo slogan “L’ITALIA DI DOMANI” con accanto il simbolo del PD………voi rappresentate L’ITALIA DI IERI e sarebbe gentile da parte vostra se vi facciate da parte assieme a tutti gli altri partiti politici aventi hai vertici persone desuete. Lasciamo lavorare i giovani volenterosi, senza ovviamente, le vostri intralcianti finte idee.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>