Una giornata con Alex Schwazer

di 

20 giugno 2012

SANKT MORITZ (Svizzera) – Alex Schwazer, il marciatore sudtirolese campione olimpico a Pechino 2008, è da settimane in ritiro a Sankt Moritz, dove si fermerà fino al 15 luglio. Il lavoro in quota è fondamentale per il marciatore di Calice di Racines, la punta di diamante dell’atletica leggera italiana, se è vero che il presidente del Coni, Gianni Petrucci, qualche mese fa a Pesaro in occasione dell’All Star Game di basket, ci confidò: “Se non la vince lui una medaglia…”. Alex una medaglia l’ha vinta già, d’oro. Ripetersi non sarà facile, lui lo sa, ma proprio per questo sta lavorando duramente seguito da Michele Didoni, campione mondiale nel 1997, un allenatore e un amico. Quaranta chilometri al giorno sono la razione quotidiana, oltre alle ore in bicicletta.

Alex Schwazer inizia si accinge a iniziare il lavoro quotidiano con Michele Didoni

Alex Schwazer inizia si accinge a iniziare il lavoro quotidiano con Michele Didoni

Ieri, Alex ha incontrato giornalisti e rappresentanti degli sponsor. Schwazer è testimonial della Bmw ed è da sempre un uomo Kinder. Nell’occasione, è stato intervistato da Sky, dalla giornalista del TG1 Donatella Scarnati, rispondendo anche a domande sulla Nazionale di calcio, e della marottese Gabriella Mancini, per Radio Montecarlo. Presente a Samedan, l’aeroporto di Sankt Moritz, intorno alla cui pista Alex si allena quotidianamente, una troupe che lavora per il blog di Alessandro Benetton, al vertice dell’omonimo gruppo trevigiano, da sempre innamorato dello sport, e soprattutto Giancarlo Colombo, il principe dei fotografi dell’atletica leggera e non solo.

Alex è legato alla provincia di Pesaro e Urbino. Intanto ha disputato a Fano una delle prime gare giovanili, e sempre a Fano è stato ospite – due anni fa – del Panathlon. Ed è fanese il compagno della sua manager Giulia Mancini.

2 Commenti to “Una giornata con Alex Schwazer”

  1. A me paiono molto provinciali questi articoli che vogliono accreditare presunte simpatie di campioni per nostre località (perchè il marito della manager è fanese..sic..!!!!) . Cerchiamo di volare un poì’ più alto!
    D. Pantonieri

    • admin scrive:

      Caro lettore, il nostro Luciano Murgia ha da anni un rapporto privilegiato di amicizia con Schwazer, non a caso ha curato per lui una pubblicazione che racconta e spiega il piacere di correre. Per questo abbiamo ragione di credere che il rapporto di simpatia e amicizia di Schwazer con la nostra provincia, con le nostre strade, con i suoi abitanti, sia vero.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>