Salva la produzione di grano, via alla raccolta

di 

25 giugno 2012

PESARO – Salva la produzione di grano nella provincia di Pesaro e Urbino. La mietitura è cominciata da alcuni giorni anche nelle aziende agricole del nostro territorio e i primi dati sono incoraggianti.

“Avremo una produzione di grano nella media, nonostante una crisi incredibile che aveva messo in dubbio questo dato e scoraggiato le aziende nella produzione del grano, cioé dell’alimento che ci garantisce pane e pasta locale”. Così Denis Bernabucci, direttore Confagricoltura Pesaro e Urbino, che spiega: “Non sarà un’annata di straordinaria abbondanza, ma dai dati dei primi giorni, relativi alla trebbiatura del grano tra gli agricoltori della nostra provincia, possiamo affermare che avremo un raccolto medio, sia in termini di quantità che di qualità. È un risultato non da poco, considerate le condizioni in cui i nostri agricoltori sono costretti ad operare: il grano viene loro pagato 23 euro al quintale, una cifra insufficiente a garantire la copertura dei costi ed il guadagno per chi lavora nei campi. Rispetto ad altri settori, il nostro si trova a subire prezzi determinati da altri attori che operano sul mercato dei cereali. In passato la nostra associazione ha avanzato la richiesta di una riforma del sistema che regola le borse merci, la quale tuttavia è rimasta disattesa. Tuttora gli agricoltori si trovano ad anticipare ingenti somme per la produzione, ma senza poter incidere sul prezzo del prodotto, e così rischiano – come spesso accade – di non rientrare dall’investimento. Chi detiene il potere contrattuale sono i grandi gruppi industriali e commerciali, che continuano a curare i propri interessi speculativi a nostro danno. Un’altra delle nostre proposte consiste nel contratto di coltivazione, eventualmente indicizzato alla borsa merci, che garantisca all’imprenditore agricolo una previsione, anche se a grandi linee, sul proprio lavoro.

Confagricoltura è come sempre in prima linea per i diritti dei suoi associati, ed appunto anche in questo caso continua ad impegnarsi per garantire una giusta valutazione e retribuzione del grano”. Firmato Giuseppe Mariotti, presidente provinciale Confartigianato, e Denis Bernabucci, direttore provinciale Confagricoltura.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>