Bronzi, Napolitano invitato come “giudice” a Pergola

di 

28 giugno 2012

PERGOLA – “A questo punto intervenga il Presidente della Repubblica: il caso dei Bronzi di Pergola è diventato emblematico di come una piccola realtà debba resistere per non soccombere al capoluogo di regione ed essere spogliata dei suoi gioielli. Lo inviteremo a Pergola”.

Gianfranco Santi

Gianfranco Santi, presidente della Cia (confederazione italiana agricoltori) della provincia di Pesaro e Urbino, annuncia una lettera al presidente Napolitano in cui chiede “che si pronunci, da garante della Costituzione e dei diritti dei cittadini sul caso dei bronzi di Pergola, tutelando il luogo a cui appartengono i Bronzi, perchè rappresentano un patrimonio di tutta la Valle del Cesano. Vogliamo Napolitano a Pergola e faremo di tutto perché venga”.

Non solo. Santi invita anche gli agricoltori ad un sit-in davanti alla sede del museo che ospita i preziosi reperti, con queste motivazioni: “I bronzi sono l’immagine di questo territorio, il richiamo turistico è conseguentemente un volàno importantissimo per l’economia locale e per l’agricoltura in particolare.

Se l’agroalimentare della zona, formato da prodotti di straordinaria eccellenza come la cipolla, la visciolata, il farro, il tartufo – solo per citare alcuni esempi -, è conosciuto dagli appassionati e dai turisti, questo si deve anche alla presenza dei Bronzi, che richiamano continuamente visitatori. I quali hanno l’occasione non solo per ammirarli, ma anche per scoprire un terrorio ricchissimo sotto il profilo delle produzioni agricole ed enogastronomiche.

Inviteremo Napolitano a visitare i Bronzi e a degustare le produzioni del nostro agroalimentare, per rendersi conto che non c’è solo Ancona, ma ci sono centri come Pergola che sono la ricchezza del nostro Paese. Tutto ciò fa parte di un ‘museo diffuso’ che non accentra tutto nelle città, ma invita i turisti a vivere anche le aree interne, mete di straordinario valore culturale in ogni periodo dell’anno”.

 

Il Presidente CIA Provinciale

Gianfranco Santi

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>