Forza Nuova contro Marchionne: “Torni in Svizzera a godersi la pensione dorata”

di 

5 luglio 2012

PESARO – “In Italia c’è un Marchionne di troppo”. Questa la scritta su uno striscione di 4 metri contro l’ amministratore delegato della Fiat firmato da Forza Nuova, affisso a Pesaro presso gli Orti Giuli in via Belvedere. Chiaro il riferimento all’ultima uscita del numero uno della Fiat secondo il quale, con il protrarsi della crisi del settore automobilistico, la Fiat dovrà chiudere uno degli stabilimenti produttivi in Italia.

Striscione Forza Nuova contro Marchionne

Lo striscione di Forza Nuova contro Marchionne appeso agli Orti Giuli

L’azione è stata accompagnata da un comunicato stampa nel quale sta scritto che “Forza Nuova ritiene vergognose le ultime dichiarazioni di Sergio Marchionne che minaccia di chiudere uno stabilimento italiano dopo averne aperti altri al di fuori del territorio nazionale. Altrettanto vergognoso è che migliaia di operai italiani siano in balìa di continui ricatti degni del peggior capitalismo speculativo nella totale indifferenza dello stato. E’ inaccettabile che a fare le spese della crisi siano sempre e soltanto i lavoratori, mentre gli azionisti e le banche continuano a spartirsi lauti dividendi. Considerato ciò auspichiamo che il signor Marchionne tolga presto il disturbo tornandosene in Svizzera a godersi la sua pensione d’oro e la Fiat venga finalmente socializzata, garantendo alle maestranze un ruolo attivo nelle scelte future dell’azienda ”.

Non è la prima volta che Marchionne viene preso di mira da FN a Pesaro. Nel 2011 infatti il movimento politico di Fiore aveva effettuato un’azione analoga presso la sede dell’Assindustria contestando i nuovi contratti di “Fabbrica Italia”.

Un commento to “Forza Nuova contro Marchionne: “Torni in Svizzera a godersi la pensione dorata””

  1. Paolo scrive:

    Da sempre avete detto che l’Italianizzazione di maglioncino sarebbe stata una truffa!
    Siete 100 anni più avanti degli altri!
    Forza Nuova Orgoglio Nazionale.
    Speriamo l’Italiano si svegli!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>