Mare sicuro 2012: le regole da rispettare

di 

5 luglio 2012

logo 1530 Capitaneria di porto Guardia costiera

PESARO – Continua l’attività indirizzata alla tutela della balneazione e della sicura fruizione dei litorali, alla vigilanza dell’ambiente marino e costiero, nonché alla divulgazione di informazioni utili rivolte a bagnanti e diportisti, posta in essere dal Comando della Capitaneria di Porto – Guardia costiera di Pesaro, che ha visto i suoi uomini impegnati su diversi fronti: da un lato la prevenzione, che ha riguardato in primo luogo i concessionari degli stabilimenti balneari con servizi all’utenza, concentrando l’attenzione sulle dotazioni di sicurezza e sulla costante presenza del servizio di assistenza ai bagnanti (negli orari stabiliti dalle competenti autorità locali), dall’altro la repressione di quei comportamenti pericolosi ed illeciti a danno di chi invece vuole “vivere” l’estate come un momento di pace, relax e sano divertimento.

In termini statistici le cause degli incidenti più gravi derivano dall’inosservanza delle più elementari norme di sicurezza e dell’imprudente agire in mare di bagnanti e diportisti. Al fine di prevenire tali situazioni di rischio, si elencano alcuni consigli utili ai bagnanti:

• Non fare il bagno se non in perfette condizioni psicofisiche
• Non sforzare mai il fisico in acqua
• Far trascorrere almeno 3 ore dall’ultimo pasto prima di fare il bagno
• Non entrare in acqua quando è esposta la bandiera rossa
• Se non esperti al nuoto, bagnarsi esclusivamente in acque basse
• Non allontanarsi oltre i gavitelli che delimitano le acque sicure o la zona riservata alla balneazione
• Evitare di tuffarsi dagli scogli;
• osservare quanto previsto dall’ordinanza di sicurezza balneare

 

Ai diportisti che, prima di uscire in mare, dovranno assicurarsi:
• di avere carburante a sufficienza per la navigazione prevista, tenendo in debito conto anche eventuali imprevisti
• di avere le dotazioni di sicurezza e marinaresche in numero adeguato alle persone a bordo e in perfette condizioni
• circa il funzionamento della radio o del telefono
• dell’efficienza del motore e che il locale ad esso destinato sia adeguatamente arieggiato
• di prendere visione degli avvisi ai naviganti, dei bollettini meteo e di eventuali pericoli per la navigazione (scogli, secche, eccetera)
• di informare i familiari, amici o conoscenti, circa il tragitto che si seguirà e l’orario previsto per il rientro

ed in attività:
• di spegnere il motore e usare i remi nella fascia di mare riservata ai bagnanti
• di non trasportare un numero di passeggeri superiore a quello cui l’unità è abilitata
• fare attenzione a eventuali subacquei in attività (segnalati con bandiera rossa e striscia diagonale bianca) passando a una distanza non inferiore a 100 metri e moderando la velocità
• osservare quanto prescritto dall’ordinanza di sicurezza balneare n°11/2012 e l’ordinanza n°09/2012 “Regolamento sulla disciplina del diporto nautico” che disciplinano nello specifico le attività nelle acque del circondario marittimo di Pesaro, entrambi consultabili sul sito web www.pesaro.guardiacostiera.it.

Infine, si ricorda, quali ideali mezzi di collegamento e comunicazione con la popolazione messe a disposizione dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, l’ormai noto numero blu “1530”, appositamente predisposto per le emergenze in mare, mediante il quale si fornisce un servizio completamente gratuito, attivo 24 ore su 24 in tutta Italia e la nuova fascia informativa prevista nella programmazione di RTL 102.5 Radio Guardia Costiera, unica radio istituzionale, che diffonde periodicamente informazioni utili riguardanti la navigazione.

Il 1530, in particolare, ha permesso ai militari della Guardia Costiera di Pesaro, il rapido ritrovamento, di una persona scomparsa nei pressi della spiaggia di Baia Flaminia di Pesaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>