Spending review, salve (per ora) province e ospedali

di 

5 luglio 2012

PESARO – Le prime indiscrezioni hanno fatto tirare un sospiro di sollievo a molti. La bozza del provvedimento per la spending review, all’esame del Consiglio dei minisitri, dovrebbe prevedere 17 articoli e salvaguardare, per ora, almeno 100 piccoli ospedali: la norma che prevedeva il taglio automatico delle strutture con meno di 80 posti letto (secondo alcune voci addirittura con meno di 120), sarebbe infatti stata eliminata non scavalcando così la potestà regionale in materia di sanità.

La Provincia di Pesaro e Urbino

Idem per le province nell’articolato non risulterebbe il taglio del numero delle Province anche se questo potrebbe rientrare in un prossimo decreto ad agosto. Viene posticipato anche l’aumento dell’Iva: dovrebbe scattare a luglio del prossimo anno.  Altro capitolo che ci interessa da vicino: sarebbe stata autorizzata una spesa di 9 milioni di euro, già per l’anno 2012, per gli interventi connessi alle eccezionali condizioni di neve e gelo che hanno colpito il Paese nel mese di febbraio 2012. I rubinetti, invece, si chiudono per quanto riguarda il personale degli enti locali: la bozza del decreto legge rimarca che entro il 2012 verranno stabiliti “i parametri di virtuosità per la determinazione delle dotazioni organiche, tenendo prioritariamente conto del rapporto tra dipendenti e popolazione residente”. Tagli del 20% degli uffici dirigenziali e del 10% del personale delle amministrazioni dello Stato confermati dalla bozza del decreto legge sulla spending review all’esame del Cdm. Il provvedimento é diretto nei confronti delle amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, delle agenzie, degli enti pubblici non economici, degli enti di ricerca, degli enti pubblici.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>