Arrestato latitante romeno specializzato in furti

di 

8 luglio 2012

FANO – Continuano i servizi straordinari di controllo del territorio svolti dai militari della Compagnia CC di Fano nell’ambito della pianificazione “estate tranquilla” . Nella periferia della cittadina i militari del Nucleo radiomobile e della Stazione CC di San Giorgio di Pesaro hanno individuato e recuperato due automezzi rubati. Si tratta di un’autovettura Fiat Punto risultata asportata qualche giorno addietro a Senigallia e di un semirimorchio per autotreno risultato rubato sempre a Senigallia.

Carabinieri al lavoro

La refurtiva, del valore di 50.000 euro circa, è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari. Un arresto, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, è stato eseguito nei confronti di un 18enne pregiudicato tunisino, clandestino, nel parcheggio della stazione ferroviaria. Il giovane, notato dai militari aggirarsi con fare sospetto nei pressi di alcune autovetture da una pattuglia di carabinieri, veniva fermato per un controllo e, allo scopo di sottrarsi alle operazioni di identificazione, spintonava un militare con l’intento di guadagnare la fuga, ma veniva subito immobilizzato e tratto in arresto. Una denuncia per guida in stato di ebbrezza derivante dall’abuso di alcol è stata formulata a carico di un motociclista sorpreso alla guida della propria potente moto in grave stato di alterazione psicofisica derivante dall’abuso di bevande alcoliche. La motocicletta è stata sottoposta a sequestro. Sempre a Fano i carabinieri della Stazione di Marotta hanno tratto in arresto un 24enne pluripregiudicato romeno, in Italia senza fissa dimora e dedito professionalmente alla commissione di furti in danno di abitazioni ed esercizi commerciali. Il romeno, incappato nella rete dei controlli predisposti dal Comandante della Compagnia CC di Fano, Cap. Cosimo Giovanni Petese, essendo risultato privo di validi documenti, è stato accompagnato negli uffici del Comando e sottoposto alle operazioni di identificazione al termine delle quali si è appurato che era un pericoloso pregiudicato, peraltro latitante, in quanto colpito da un ordine di arresto europeo emesso dal Tribunale dell’Austria, perché responsabile di numerosi furti aggravati. M.A.L. è stato pertanto arrestato e rinchiuso nel carcere di Pesaro. Ed ancora i CC di Marotta hanno tratto in arresto un 33enne pregiudicato con le accuse di “maltrattamenti in famiglia e verso fanciulli”, per aver posto in essere, per diverse settimane,anche a causa dell’abuso di alcol, reiterati maltrattamenti nei confronti della moglie 29enne, culminati in una violenta aggressione che ha prodotto alla donna ed al figlio di pochi mesi, che quest’ultima aveva in braccio, lesioni guaribili in alcuni giorni. Il 33enne è stato quindi rinchiuso nel carcere di Pesaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>