Commercialisti nel mirino: denunciato un pesarese

di 

10 luglio 2012

PESARO – In questo primo semestre dell’anno, nell’ambito delle attività ispettive antiriciclaggio, i militari dei Reparti della Guardia di Finanza del locale Comando Provinciale hanno svolto controlli anche nei confronti degli studi professionali.

 

Tali ispezioni hanno lo scopo di individuare quelle operazioni finanziarie a rischio, perché di importi significativi ovvero siano state effettuate ricorrendo frequentemente a contanti o ancora con clienti non residenti nelle zone di normale operatività del professionista.

 

Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza

Più in particolare, sono state approfondite nr. 24 segnalazione di operazioni sospette ed eseguite nr. 2 ispezioni antiriciclaggio, talché è stato possibile scoprire che un commercialista di Pesaro non aveva istituito i prescritti registri obbligatori e non aveva identificato e censito i clienti, quindi, aveva omesso di registrare le operazioni finanziarie che, per l’anno 2011, sono risultate essere pari a varie centinaia di migliaia di euro. Inoltre, l’interessato non aveva rilevato tutte quelle operazioni finanziarie di rilievo che, successivamente, valutate come “anomale”, dovevano essere segnalate all’Ufficio Italiano Cambi (oggi denominato U.I.F. – Unità Informazione Finanziaria).

La mancata istituzione dei prescritti registri e dell’identificazione dei soggetti operanti, la mancata registrazione delle operazioni nonché l’omessa segnalazione di quelle sospette hanno comportato a carico del commercialista pesarese la denuncia all’A.G.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>