In tutta la provincia è guerra aperta agli ambulanti

di 

11 luglio 2012

Abusivi vu cumprà merci contraffatte

PESARO – I militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Pesaro, nel corso dell’ultimo fine settimana, hanno eseguito un vasto e articolato “Piano Coordinato di Controllo Economico del Territorio”, che ha interessato diverse località della provincia. In particolare, pattuglie di finanzieri in divisa hanno effettuato una serie di attività operative volte al contrasto e alla prevenzione degli illeciti fenomeni dell’abusivismo commerciale e della minuta vendita di merci contraffatte.

Altri militari – in abiti civili – sono stati contestualmente impegnati nel controllo della regolare emissione di scontrini e ricevute fiscali da parte di una molteplicità di esercenti, appartenenti alle diverse categorie, caratterizzanti il variegato panorama economico della provincia pesarese.

In materia di contrasto all’abusivismo e alla vendita di prodotti contraffatti sono stati eseguiti diversi interventi, che hanno portato al sequestro di 488 “pezzi” nei confronti di “ignoti”; ciò in quanto i responsabili, alla vista delle pattuglie in divisa, si sono dati alla fuga lasciando in terra tutta la merce: capi di abbigliamento, accessori per abbigliamento, borse, cinture e occhiali da sole, tutti riproducenti le più note griffe contraffatte.

Tale risultato va ad aggiungersi ai 554 “pezzi” contraffatti, sequestrati nei primi sei mesi dell’anno sul territorio dell’intera provincia dalle Fiamme gialle pesaresi, e alla denuncia di 12 soggetti.

In materia di rilascio di scontrini e ricevute fiscali sono stati eseguiti 63 controlli, che hanno portato alla constatazione di 17 violazioni (con un’incidenza di quasi il 27%) per mancata o irregolare emissione dei documenti fiscali.

Anche in questo caso, le irregolarità in materia di rilascio dello scontrino e della ricevuta fiscale vanno a sommarsi alle 519 violazioni accertate, in questo primo semestre, sull’intero territorio provinciale.

L’attuato dispositivo ha avuto non solo la finalità di tutelare gli operatori economici regolari dalla sleale ed illecita concorrenza degli abusivi e di coloro che vendono merci fuori norma, ma anche quella di evitare che gli esercenti che rispettano gli obblighi di emissione dei documenti fiscali finiscano con il risultare indebitamente svantaggiati rispetto a loro concorrenti che violano le norme tributarie.

Nelle prossime settimane analoghi interventi verranno eseguiti in ulteriori aree della città e della sua provincia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>