Don Ruggeri, i particolari: effusioni hot anche in acqua

di 

15 luglio 2012

FANO – Emergono nuovi scottanti particolari sull’arresto di don Giangiacomo Ruggeri, 43 anni, parroco di Orciano e portavoce del Vescovo di Fano, accusato di pedofilia dopo essere stato sorpreso e filmato in compagnia di una 13enne sulla spiaggia di Torrette di Fano. Effusioni davanti agli occhi di decine di bagnanti e del bagnino che, lo scorso 10 luglio, dopo averlo riconosciuto chiamò la polizia.

don Giangiacomo Ruggeri (foto tratta dal web)

Il capo del commissariato di Fano, Silio Bozzi, in quell’occasione non filmò nulla. La situazione, si ripropose due giorni dopo. E in quella circostanza non sfuggì nulla all’occhio delle telecamere nascosta installate dalla polizia. Don Giacomo – ricostruisce il Carlino – era arrivato di prima mattina a bagni Torrette per poi scambiare effusioni inequivocabili insieme alla ragazzina sotto l’ombrellone, dietro a delle cabine, a lato di alcune scalette e poi ancora in acqua.  Due ore di effusioni hot che hanno convinto gli inquirenti a chiedere l’arresto del sacerdote per il pericolo di reiterazione del reato e di inquinamento probatorio

Fano sottochoc. Ma non solo. La notizia ha ormai raggiunto l’eco nazionale, passando i confini marchigiani. Domani l’interrogatorio di garanzia.

Un commento to “Don Ruggeri, i particolari: effusioni hot anche in acqua”

  1. franco scrive:

    i preti sono esseri umani con tanto di necessita’ fisiologiche!
    sbagliano a non farli sposare !
    che figura di merda don.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>