Donne di oggi tra lavoro e famiglia: i risultati del progetto della Provincia

di 

19 luglio 2012

PESARO – “Donne di oggi tra lavoro e famiglia” è il titolo della “due giorni” che si è svolta a Pesaro per presentare i risultati di un progetto portato avanti dalla Provincia di Pesaro e Urbino insieme a vari partner, finanziato dalla Regione Marche con le risorse del Fondo Sociale Europeo. Obiettivo del progetto, come spiegato dagli assessori al lavoro e formazione Massimo Seri e alle pari opportunità Daniela Ciaroni, “è stato quello di consentire una maggiore conciliazione tra vita e lavoro”.

Logo Provincia di Pesaro e Urbino

Grazie a un’azione di squadra tra pubblico e privato, organizzazioni sindacali e datoriali, dal 2009 ad oggi sono stati creati nuovi asili nido e servizi per l’infanzia, centri estivi e ludoteche, servizi per disabili e anziani, maggiori servizi di mobilità urbana ed extraurbana (interessanti i percorsi pedonali protetti per l’infanzia). Importante anche la flessibilità negli orari e nell’organizzazione del lavoro in varie aziende ed enti pubblici, tra cui la Provincia, così come l’assegnazione di “voucher” che hanno consentito a donne e famiglie in difficoltà di vedersi rimborsate le spese per servizi di baby sitter o assistenza anziani.

Circa 900 le persone coinvolte nel progetto, con un livello di soddisfazione del 95%. Per il futuro sono stati chiesti orari più lunghi nei nidi, maggiori strutture di assistenza anziani, più servizi di trasporto per la mobilità tra casa e scuola e tra casa e impianti sportivi, anche con l’utilizzo del car sharing (trasporto condiviso).

Alle due giornate di convegno hanno partecipato dirigenti regionali, esperti di politiche del lavoro e di conciliazione a livello nazionale e internazionale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>