Perché quei biglietti omaggio per le pseudo-autorità?

di 

19 luglio 2012

di Sergio Schiaroli*

FANO – Ho acquistato un biglietto per la serata con la Bridgwater dell’ottimo Fano Jazz by the sea ma ancora una volta decine e decine di posti di varie prime file erano riservati alla casta, spesso con al seguito coniugi, parenti o amici che non si capisce quali meriti abbiano. Si continuano a chiedere sacrifici ai cittadini e ad effettuare tagli alle loro risorse ma di tagliare i privilegi neanche a parlarne, un vizio che non si riesce a estirpare e che naturalmente resta a nostro carico. Tra l’altro questi privilegi vanno a persone che già sono economicamente avvantaggiate e dovrebbero dare l’esempio. Per questo spettacolo c’è un contributo della Carifano che forse si sarà fatta riservare anch’essa dei posti ma è anche vero che i biglietti costano di più delle altre serate. A parte obblighi istituzionali a nostro giudizio le “pseudo autorità” dovrebbero poter accedere solo a eventuali posti rimasti invenduti; ci piacerebbe inoltre poter verificare a quante manifestazioni culturali andrebbero nel caso dovessero pagare il biglietto. La cultura è una questione molto seria ma tali malcostumi la scoraggiano e fanno rimpiangere qualche pacifica contestazione.

*Presidente Provinciale Federconsumatori PU, segretario provinciale Sunia e Apu PU, consigliere Camera Commercio PU, Membro Consulta Aato

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>