Trasarti scrive ai fedeli: “Giustizia e misericordia”

di 

20 luglio 2012

FANO – Ecco il testo integrale della lettera inviata dal vescovo di Fano, monsignor Armando Trasarti, a tutti i fedeli della Diocesi.

“Carissimi fedeli della Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola, proprio in questi giorni, 5 anni fa, scegliendo il mio motto episcopale “Ego sum nolite timere” (sono io, non abbiate paura), non avrei mai pensato di doverlo rileggere alla luce di quanto accaduto e mentre attendiamo che la Magistratura chiarisca la posizione di un nostro sacerdote don Giangiacomo Ruggeri. Santa Caterina da Siena nella lettera 291 al Papa Urbano VI scriveva: ‘La giustizia senza la misericordia e’ più ingiustizia che giustizia, è tenebra crudele la misericordia senza la giustizia è come mettere unguento su una piaga non pulita, non disinfettata.

Il Vescovo Armando Trasarti

Il Vescovo Armando Trasarti

L’unguento non farebbe che infettare ancor più la piaga. Solo unite, l’una e l’altra insieme, ridanno sanità e vità. Sento forte dentro di me lo strazio lancinante, un peso indescrivibile per quanto accaduto, lo sconcerto per le ipotesi di reato contestate e nel contempo il dolore per un mio e nostro fratello sacerdote, la vicinanza a chi è stato oggetto di abuso. Oggi, nonostante tutto, Gesù ci dice ancora, coraggio sono Io, non abbiate paura il Maestro ripete come allora queste parole straordinarie anche a noi Chiesa di Fano Fossombrone Cagli Pergola. Sentiamo il ‘forte vento contrario’, che scuote e mette in pericolo la barca, ma per il grande Mistero di cui siamo partecipi riconosciamo la Presenza del Signore che ci sprona ad aver coraggio perché Lui è con noi. Questa è l’unica certezza della Chiesa, situazioni come quella che stiamo vivendo ci ricordano in modo quasi prepotente che la nostra fragile umanità è stata scelta da Dio come via privilegiata della Sua presenza nella storia il mistero dell’Incarnazione ha sigillato questa scelta irreversibile, ma quando noi uomini e donne non assumiamo pienamente la nostra umanità, quando non ‘facciamo pace’ con i nostri limiti, quando pensiamo di sostituirci a Dio allora il cortocircuito è inevitabile.

Proprio domenica scorsa leggevamo nel Vangelo il comando dato da Gesù ai suoi discepoli di andare a predicare il Vangelo. Mi colpiva il fatto che Gesù non chiedesse a quel piccolo gruppo di uomini mezzi straordinari ma solo un bastone e un paio di sandali. Mezzi poveri ed essenziali perché il resto lo fa il Signore. Anche a noi è chiesto in questo momento e sempre di mettere la nostra fragile umanità al servizio del Vangelo, poveri e insignificanti, fragili e peccatori, ma resi forti e risanati dalla parola del Vangelo che custodiamo gelosamente. Questo è il tempo che ci è dato di vivere, e nonostante sia estremamente fragile perché affidato alla nostra umanità imperfetta, abbiamo ancora come Chiesa il compito di accogliere e annunciare il Vangelo anche in questa ulteriore fatica dobbiamo accogliere Dio nella nostra fragile barca sbattuta dalle onde della tempesta, solo così potremo avere la certezza di non affondare. Sentiamo – pieni di fiducia – la straordinaria forza dell’amore di Dio che rinfranca il cuore e anche in questo momento di prova riscopriamo un nuovo percorso di conversione, proviamo a rimpastare la nostra vita fidandoci unicamente di Lui che dopo 2000 anni sussurra al nostro cuore parole di speranza e di misericordia, “coraggio sono Io non abbiate paura”.

 

E intanto stamane il vescovo Armando Trasarti incontra don Giacomo Ruggeri, il suo ex portavoce. Lo rivela Fano Tv che racconta come l’alto prelato abbia ricevuto un autorizzazione speciale dalla magistratura pesarese, necessaria perché non è parente stretto del detenuto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>