Sanità: Cgil, Cisl e Uil dicono basta ai tagli lineari

di 

21 luglio 2012

PESARO – Il sindacato non ci sta agli ennesimi tagli alla sanità pubblica, settore fondamentale che riguarda direttamente tutti e che è anche un diritto costituzionalmente garantito: quello alla salute. Per queste ragioni, Cgil Cisl e Uil sia confederali che di categoria, lunedì 23 luglio, dalle 9 alle 11, saranno di fronte all’ospedale San Salvatore di Pesaro, a quello di Muraglia e agli ospedali di Fano e Fossombrone, per spiegare ai cittadini quali e quanti rischi il decreto sulla spendig review comporta sulla tenuta dei livelli di assistenza fino ad aggi garantiti.

 

Bandiere sindacati Cgil Cisl e Uil

PROTESTA E PROPOSTA

I sindacati chiedono una riorganizzazione seria della sanità che colpisca gli sprechi, elimini i costi inappropriati, premi le gestioni virtuose e valorizzi gli operatori.

“Con questa mobilitazione abbiamo intenzione di rivolgerci direttamente ai cittadini – aggiunge il segretario della Fp Cgil provinciale Roberto Rossini – Siamo fortemente preoccupati dai tagli previsti dal decreto sulla revisione della spesa pubblica. Temiamo per il futuro della nostra sanità provinciale e regionale, a rischio sia sul piano del mantenimento dei livelli di assistenza sia del modello sociosanitario che fino ad oggi abbiamo conosciuto. A questo si aggiunge il timore per le ripercussioni sull’occupazione degli operatori della sanità”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>