Escalation di furti, serve un sforzo congiunto tra le forze dell’ordine

di 

23 luglio 2012

da Massimiliano Nardelli, consigliere comunale Pdl, riceviamo e pubblichiamo:

 

PESARO – L’escalation di furti nelle abitazioni di quest’ultimo periodo ripropone il problema sicurezza nella nostra città e la richiesta sempre più pressante, da parte dei cittadini, di avere un maggior presidio del territorio, che deve essere garantito attraverso uno sforzo congiunto tra le forze dell’ordine.

Massimiliano Nardelli

Massimiliano Nardelli, consigliere comunale del Pdl

Massimiliano Nardelli, consigliere comunale PDL, si fa portavoce della forte preoccupazione espressagli dai cittadini in merito all’immobilismo dell’amministrazione comunale che evidentemente non ha progetti né idee per contrastare questo fenomeno che provoca sempre più disagi nell’opinione pubblica per il senso di vulnerabilità provocato proprio dagli episodi di furti in appartamenti ed esercizi commerciali.

Ci siamo sempre battuti affinchè nella nostra città ci fosse un maggior presidio del territorio e soprattutto una maggiore integrazione tra poliziotto/carabiniere di quartiere e vigile di quartiere.

Ma, se abbiamo notato il buon livello di soddisfazione raggiunto tra i cittadini per l’opera del  poliziotto e carabiniere di quartiere, non altrettanto si può dire per il vigile di quartiere, che viene utilizzato per tutte le funzioni possibili immaginabili tranne per quella che gli assegna il Regolamento sul Decentramento ovvero presidio del territorio, prevenzione, educazione alla legalità e salvaguardia degli abitanti dei quartieri.

Alcuni cittadini, per contrastare fenomeni legati soprattutto ai furti nelle abitazioni, vogliono riproporre il tema delle ronde. Noi siamo dell’idea che i cittadini non debbano sostituirsi alle forze di polizia, i cui meriti sono da tutti riconosciuti, ma che è comunque necessario far percepire al cittadino che non viene lasciato solo ed alla mercè di delinquenti e malviventi.

Bisogna aumentare gli stanziamenti per la sicurezza nelle città?Siamo pronti a firmare qualunque ordine del giorno per richiedere al Governo la dotazione per la nostra Questura di maggiori risorse umane e finanziarie. Così come chiediamo al Sindaco l’applicazione del Regolamento sul Decentramento per far svolgere effettivamente ai vigili di quartiere il compito loro assegnato.

Quello che i  cittadini non vogliono che passi è il messaggio di questa amministrazione comunale ovvero che la nostra città è già sicura e non ha bisogno di ulteriori provvedimenti continuando a sostenere che Pesaro è rimasta quell’isola felice di vent’anni. Portare avanti questa tesi, anche dal punto di vista politico, vuol dire perdere il rapporto con i cittadini, anche perché ciò non corrisponde assolutamente alla realtà.

La cittadinanza si aspetta da anni, sul tema della sicurezza, una risposta diversa e più efficace dall’amministrazione comunale.

I cittadini vogliono persone che stabilmente presidiano il territorio fungendo da deterrente agli episodi di microcriminalità. Si aspettano di vedere qualche agente di sera anche nel centro storico e nei quartieri più periferici che vengono lasciati alla berlina di chiunque.

Si attende, insomma, un cambiamento radicale di rotta nella gestione della sicurezza della città perché solamente in questo modo si potranno creare i veri presupposti per assicurare alla popolazione effettiva libertà e protezione.

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>