“Tagli lineari per 21 miliardi che colpiscono i cittadini”

di 

23 luglio 2012

Bandiere sindacati Cgil Cisl e Uil

PESARO – “Basta ai tagli lineari sulla sanità”. Lo hanno urlato con forza i sindacati – Cigl, Cisl e Uil – che stamane hanno manifestato davanti agli ospedali del territorio. Presidi davanti al pesaresi San Salvatore e alla struttura di Muraglia, così come al Santa Croce di Fano e all’ospedale di Fossombrone, chiedendo una riorganizzazione seria che il decreto sulla spendig review non contiene, andando a incidere “sulla tenuta dei livelli di assistenza fino ad aggi garantiti”.

“Ormai siamo alla spaventosa cifra di 21 miliardi di tagli indiscriminati al Servizio sanitario nazionale in tre anni – dice ai microfoni di Radio Incontro Simona Ricci, segretaria della Cgil provinciale – Vengono trattate allo stesso modo sia regioni in salute come le Marche che regioni vicinissime al dissesto sulla sanità pubblica come la Sicilia o la Campania. Questa è una logica da respingere perché gli unici che ne pagano il prezzo sono i cittadini e le cittadine, che sentono le prime crepe di un sistema che non risparmia nemmeno i lavoratori del settore”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Stefania Acacia Scarpetti di Cisl Funzione pubblica: “Operando tagli indiscriminati si colpiscono le fasce più deboli. D’altronde è la mossa di un governo che, per prima cosa, tentò di togliere le indicizzazioni sulle pensioni minime di 470 euro non toccando quelle oltre i 6.000. Così si tagliano i servizi alle persone e non si tagliano gli sprechi che sicuramente ci sono. Il futuro della sanità della nostra provincia? Da un po’ c’è in atto una riduzione del servizio pubblico a vantaggio di quello privato”.

“Siamo preoccupati anche per le ripercussioni sul sistema – ha detto Roberto Rossini (Cgil) – sul personale, sui carichi lavoro dei dipendenti e sul blocco del turn over che già oggi è al 70%”.

E domani i sindaci, tra cui quello di Pesaro Luca Ceriscioli, manifesteranno a Roma davanti al Senato, contro “una spendig review che non è tale”. “La sensazione è che sia solo un taglio lineare, senza ricercare comportamenti non virtuosi per sanarli”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>